Lumezzane, bomba americana fatta brillare

(red.) Sono passati ormai 70 anni, ma secondo gli artificieri poteva essere ancora pericolosa.  Per questo lunedì mattina gli specialisti del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona sono intervenuti a Lumezzane, proprio sotto il ponte del Passo del Cavallo e – dopo aver messo in sicurezza l’area con 300 metri di diametro – l’hanno fatta brillare.Si trattava di una granata d’artiglieria da 75 mm di fabbricazioneamericana, precipitata…

Foto e video della conferenza stampa campagna sensibilizzazione sul tema ordigni inesplosi promossa dall’ANVCG del 3/4/2014

Colonnello Lucio Eugenio Cannarile Comandante Decimo Reparto Infrastrutture Napoli  Intervento del Vicepresidente al Senato Valeria Vitale Avvocato Giuseppe Castronovo Presidente ANVCG  E Nicolas testimonial della campagna di sensibilizzazione   Modera la conferenza stampa il giornalista Michele Cucuzza Intervento del Sotto Segretario alla Difesa Gioacchino Alfano Giovanni Lafirenze autore De Schegge Assassine membro ANVCG I VIDEO  

Foto e video della conferenza stampa campagna sensibilizzazione sul tema ordigni inesplosi promossa dall’ANVCG del 3/4/2014

Colonnello Lucio Eugenio Cannarile Comandante Decimo Reparto Infrastrutture Napoli  Intervento del Vicepresidente al Senato Valeria Vitale Avvocato Giuseppe Castronovo Presidente ANVCG  E Nicolas testimonial della campagna di sensibilizzazione   Modera la conferenza stampa il giornalista Michele Cucuzza Intervento del Sotto Segretario alla Difesa Gioacchino Alfano Giovanni Lafirenze autore De Schegge Assassine membro ANVCG I VIDEO  

Alessandria: quella tragica domenica del 30 aprile ’44

di Renzo Penna Il 30 aprile del 1944 – 70 anni fa – cadeva di domenica, in tutte le chiese di fede cristiana si celebrava la festa dell’Ascensione ed era una limpida giornata di sole. La ricorda come se fosse oggi la signora Carla, che all’epoca aveva 11 anni. Nella scuola Carlo Zanzi del suo quartiere, il Cristo, frequentava, infatti,…

Bombaday after. «Altre ‘Old Lady’? Non lo escludo, ne sono cadute 4»

VICENZA. La bomba è stata neutralizzata. Quel maxi-ordigno da 4 mila libbre al momento è solo un grande contenitore vuoto che resta inerte alla cava di Orgiano e che con ogni probabilità finirà in un museo. La paura dunque è passata. Anche se in realtà non tutti i timori sono stati disinnescati all’ex aeroporto Dal Molin….

RESIDUATI BELLICI IN SICILIA

Nel comune di Novara di Sicilia (ME) sono stati rinvenuti due ordigni bellici inesplosi risalenti al secondo conflitto mondiale.I residuati, due bombe da mortaio da 8 cm di nazionalità tedesca,  sono stati distrutti da personale specializzato del nucleo EOD (Explosive Ordnance Disposal) appartenenti al 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo, della Brigata “Aosta”.Le capacità tecniche…

Alessandria: quella tragica domenica del 30 aprile ’44

di Renzo Penna Il 30 aprile del 1944 – 70 anni fa – cadeva di domenica, in tutte le chiese di fede cristiana si celebrava la festa dell’Ascensione ed era una limpida giornata di sole. La ricorda come se fosse oggi la signora Carla, che all’epoca aveva 11 anni. Nella scuola Carlo Zanzi del suo quartiere, il Cristo, frequentava, infatti,…

Bombaday after. «Altre ‘Old Lady’? Non lo escludo, ne sono cadute 4»

VICENZA. La bomba è stata neutralizzata. Quel maxi-ordigno da 4 mila libbre al momento è solo un grande contenitore vuoto che resta inerte alla cava di Orgiano e che con ogni probabilità finirà in un museo. La paura dunque è passata. Anche se in realtà non tutti i timori sono stati disinnescati all’ex aeroporto Dal Molin….

RESIDUATI BELLICI IN SICILIA

Nel comune di Novara di Sicilia (ME) sono stati rinvenuti due ordigni bellici inesplosi risalenti al secondo conflitto mondiale.I residuati, due bombe da mortaio da 8 cm di nazionalità tedesca,  sono stati distrutti da personale specializzato del nucleo EOD (Explosive Ordnance Disposal) appartenenti al 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo, della Brigata “Aosta”.Le capacità tecniche…

Gli artificieri fanno brillare una bomba vicino alle piste da sci

G. OR. ALAGNA Un ordigno bellico è stato fatto brillare questa mattina ad Alagna. La bomba è stata fatta esplodere dagli artificieri dell’Esercito, nei pressi delle piste da sci, sopra l’abitato. Si tratterebbe di un ordigno risalente alla Seconda guerra mondiale, rinvenuto nella località walser.  Sul posto, oltre al reparto specializzato dell’Esercito, anche i carabinieri…

Gli artificieri fanno brillare una bomba vicino alle piste da sci

G. OR. ALAGNA Un ordigno bellico è stato fatto brillare questa mattina ad Alagna. La bomba è stata fatta esplodere dagli artificieri dell’Esercito, nei pressi delle piste da sci, sopra l’abitato. Si tratterebbe di un ordigno risalente alla Seconda guerra mondiale, rinvenuto nella località walser.  Sul posto, oltre al reparto specializzato dell’Esercito, anche i carabinieri…

Ordigno bellico sparito da spiaggia

E’ introvabile, al momento, l’ordigno bellico che era stato scoperto sabato sulla spiaggia di Grisolia e che poi le onde del mare hanno nuovamente fatto sparire. Secondo quanto si è appreso, alcuni giovani del luogo, con un fuoristrada, si erano accorti di aver urtato, sulla spiaggia, qualcosa di grande. Tornati indietro, avevano scoperto un oggetto…

Ordigno bellico sparito da spiaggia

E’ introvabile, al momento, l’ordigno bellico che era stato scoperto sabato sulla spiaggia di Grisolia e che poi le onde del mare hanno nuovamente fatto sparire. Secondo quanto si è appreso, alcuni giovani del luogo, con un fuoristrada, si erano accorti di aver urtato, sulla spiaggia, qualcosa di grande. Tornati indietro, avevano scoperto un oggetto…

“Adottata” la lapide commemorativa dei cinque ragazzi uccisi da un ordigno bellico

Questa mattina gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Ilio Micheloni’ di Lammari-Marlia hanno ‘adottato’ alla chiesa di San Cristoforo a Lammari la lapide commemorativa dei cinque ragazzi che il 27 aprile 1944 rimasero uccisi giocando con un ordigno bellico inesploso. Si tratta di uno dei numerosi episodi che durante e dopo la guerra provocarono un elevato numero…

“Adottata” la lapide commemorativa dei cinque ragazzi uccisi da un ordigno bellico

Questa mattina gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Ilio Micheloni’ di Lammari-Marlia hanno ‘adottato’ alla chiesa di San Cristoforo a Lammari la lapide commemorativa dei cinque ragazzi che il 27 aprile 1944 rimasero uccisi giocando con un ordigno bellico inesploso. Si tratta di uno dei numerosi episodi che durante e dopo la guerra provocarono un elevato numero…

Montone, trova una bomba mentre lavora nell’orto

Montone, 28 aprile 2014 – Deve essere preso un accidente a Rodorico Poleri Alunno, che la mattina del 25 Aprile scorso, lavorando nell’orto di casa, ha rivenuto un ordigno risalente alla seconda guerra mondiale. A darne notizia il sindaco di Montone Mariano Tirimagni, che sulla sua pagina Facebook ha postato la foto della bomba: «probabilmente…

Montone, trova una bomba mentre lavora nell’orto

Montone, 28 aprile 2014 – Deve essere preso un accidente a Rodorico Poleri Alunno, che la mattina del 25 Aprile scorso, lavorando nell’orto di casa, ha rivenuto un ordigno risalente alla seconda guerra mondiale. A darne notizia il sindaco di Montone Mariano Tirimagni, che sulla sua pagina Facebook ha postato la foto della bomba: «probabilmente…

Grisolia l’ordigno nuovamente a mare.

Il27Aprile a Grisolia un uomo passeggiando sulla spiagge vede una bomba, forse risalente alla guerra mondiale. Allerta le autorità del luogo. Queste giungono sul posto, isolano l’area e informano la prefettura. Nella notte, chissà, il maltempo un’onda trascina nuovamente la bomba in acqua. A questo punto dell’Esercito saranno sostituiti dai nuclei Sdai della Marina Militare….

Quando il promontorio fu piegato dai bombardamenti del 28 aprile 1944

di Renzo Wongher STEFANO. 28 Aprile 1944: sono trascorsi 69 anni, ma ancora i santostefanesi superstiti della generazione nata nei primi anni ’30 ( e precedenti) portano impresso nella loro mente il ricordo di quella giornata di fuoco, quando l’Argentario sembrò un vulcano in eruzione: lampi accecanti, esplosioni violentissime, colonne di fumo, trasformarono il versante nord del…

Grisolia l’ordigno nuovamente a mare.

Il27Aprile a Grisolia un uomo passeggiando sulla spiagge vede una bomba, forse risalente alla guerra mondiale. Allerta le autorità del luogo. Queste giungono sul posto, isolano l’area e informano la prefettura. Nella notte, chissà, il maltempo un’onda trascina nuovamente la bomba in acqua. A questo punto dell’Esercito saranno sostituiti dai nuclei Sdai della Marina Militare….

Quando il promontorio fu piegato dai bombardamenti del 28 aprile 1944

di Renzo Wongher  STEFANO. 28 Aprile 1944: sono trascorsi 69 anni, ma ancora i santostefanesi superstiti della generazione nata nei primi anni ’30 ( e precedenti) portano impresso nella loro mente il ricordo di quella giornata di fuoco, quando l’Argentario sembrò un vulcano in eruzione: lampi accecanti, esplosioni violentissime, colonne di fumo, trasformarono il versante nord…

Mancava un millimetro «Così quella bomba stava per esplodere»

«Vicenza è stata molto fortunata perché una delle tre spolette della bomba era a meno di un millimetro dal detonatore. In pratica stava per esplodere». Basterebbe questa frase per convincere anche i più scettici; quelli, cioè, che fino all’alba del 25 aprile ritenevano il Bomba day un’operazione «esagerata», «sproporzionata» o «eccessiva». Eppure quel maxi-intervento che…

Mancava un millimetro «Così quella bomba stava per esplodere»

«Vicenza è stata molto fortunata perché una delle tre spolette della bomba era a meno di un millimetro dal detonatore. In pratica stava per esplodere». Basterebbe questa frase per convincere anche i più scettici; quelli, cioè, che fino all’alba del 25 aprile ritenevano il Bomba day un’operazione «esagerata», «sproporzionata» o «eccessiva». Eppure quel maxi-intervento che…

Grisolia, ordigno bellico trovato sulla spiaggia

RISOLIA – 27 apr. – Passeggiava sulla spiaggia e si è ritrovato davanti un ordigno bellico. Certamente un residuato della Seconda guerra mondiale. Il ritrovamento è avvenuto intorno alle ore 18.00, sulla spiaggia a Grisolia. L’uomo che passeggiava sulla spiaggia, dopo aver rimosso qualche cumulo di sabbia si è trovato davanti all’ordigno. Sul posto sono…

Grisolia, ordigno bellico trovato sulla spiaggia

RISOLIA – 27 apr. – Passeggiava sulla spiaggia e si è ritrovato davanti un ordigno bellico. Certamente un residuato della Seconda guerra mondiale. Il ritrovamento è avvenuto intorno alle ore 18.00, sulla spiaggia a Grisolia. L’uomo che passeggiava sulla spiaggia, dopo aver rimosso qualche cumulo di sabbia si è trovato davanti all’ordigno. Sul posto sono…

“Via della memoria”: lunedì 28 aprile l’adozione della lapide alla chiesa di S. Cristoforo di Lammari

Gli alunni dell’istituto comprensivo “Ilio Micheloni” di Lammari-Marlia lunedì (28 aprile) alle ore 11 alla chiesa di San Cristoforo a Lammari “adotteranno” la lapide commemorativa dei cinque ragazzi che il 27 aprile 1944 rimasero uccisi giocando con un ordigno bellico inesploso. L’iniziativa rientra nel progetto “Via della memoria” promosso dall’amministrazione Del Ghingaro per riscoprire e…

“Via della memoria”: lunedì 28 aprile l’adozione della lapide alla chiesa di S. Cristoforo di Lammari

Gli alunni dell’istituto comprensivo “Ilio Micheloni” di Lammari-Marlia lunedì (28 aprile) alle ore 11 alla chiesa di San Cristoforo a Lammari “adotteranno” la lapide commemorativa dei cinque ragazzi che il 27 aprile 1944 rimasero uccisi giocando con un ordigno bellico inesploso. L’iniziativa rientra nel progetto “Via della memoria” promosso dall’amministrazione Del Ghingaro per riscoprire e…

19 MARZO YPRES. DUE OPERAI MORTI A CAUSA DELL’ESPLOSIONE DI UN RESIDUATO BELLICO

Il 19 marzo Belgio Ypres: La città è storicamente nota, sia per le aspre battaglie della prima guerra mondiale, quanto per aver dato il nome ad un potente aggressivo chimico (Yprite) ufficialmente utilizzato per la prima volta dalle truppe autro-ungariche contro i militari francesi. Tutto il mondo è direttamente o indirettamente al corrente di quell’evento…

19 MARZO YPRES. DUE OPERAI MORTI A CAUSA DELL’ESPLOSIONE DI UN RESIDUATO BELLICO

Il 19 marzo Belgio Ypres: La città è storicamente nota, sia per le aspre battaglie della prima guerra mondiale, quanto per aver dato il nome ad un potente aggressivo chimico (Yprite) ufficialmente utilizzato per la prima volta dalle truppe autro-ungariche contro i militari francesi. Tutto il mondo è direttamente o indirettamente al corrente di quell’evento…

Ritrovate munizioni e armi nella grotta

di Gigi Sosso VODO DI CADORE. Le armi nella grotta. Era in corso la pulizia di un sentiero, che porta a Malga Ciauta, sopra Vodo di Cadore, quando l’attenzione di tutti i partecipanti all’operazione bosco pulito è stata attirata da una piccola caverna, all’altezza di una località di nome Forcella. Una rapida ricognizione e la scoperta…

26/04/1937 IL BOMBARDAMENTO di Guernica

Il 26 Aprile 1937, l’aviazione falangista, con aerei e piloti tedeschi, attaccò e rase al suolo la cittadina basca di Guernica, uccidendo in tre ore e mezza circa 2000 persone. Dal punto di vista militare, Guernica era un obbiettivo del tutto insignificante; l’azione, svoltasi in un giorno di mercato, fu una strage compiuta per seminare…

Ritrovate munizioni e armi nella grotta

di Gigi Sosso VODO DI CADORE. Le armi nella grotta. Era in corso la pulizia di un sentiero, che porta a Malga Ciauta, sopra Vodo di Cadore, quando l’attenzione di tutti i partecipanti all’operazione bosco pulito è stata attirata da una piccola caverna, all’altezza di una località di nome Forcella. Una rapida ricognizione e la scoperta…

IL GENIO NEUTRALIZZA DUE RESIDUATI BELLICI

Gli artificieri dell’Esercito sono stati impegnati oggi in due complessi interventi di bonifica di ordigni esplosivi risalenti alla seconda guerra mondiale. Una bomba da 4000 libbre di tritolo (1800 kg) di fabbricazione inglese, sganciata nel ’44, è stata disinnescata a Vicenza. Per garantire la sicurezza della popolazione è stato necessario evacuare oltre 27 mila persone…

26/04/1937 IL BOMBARDAMENTO di Guernica

Il 26 Aprile 1937, l’aviazione falangista, con aerei e piloti tedeschi, attaccò e rase al suolo la cittadina basca di Guernica, uccidendo in tre ore e mezza circa 2000 persone. Dal punto di vista militare, Guernica era un obbiettivo del tutto insignificante; l’azione, svoltasi in un giorno di mercato, fu una strage compiuta per seminare…

IL GENIO NEUTRALIZZA DUE RESIDUATI BELLICI

Gli artificieri dell’Esercito sono stati impegnati oggi in due complessi interventi di bonifica di ordigni esplosivi risalenti alla seconda guerra mondiale. Una bomba da 4000 libbre di tritolo (1800 kg) di fabbricazione inglese, sganciata nel ’44, è stata disinnescata a Vicenza. Per garantire la sicurezza della popolazione è stato necessario evacuare oltre 27 mila persone…

Bomba Day, disinnesco concluso: la “Old Lady” verrà fatta brillare

VICENZA – Si sono concluse poco fa con successo le operazioni di disinnesco della Old Lady, come è stata soprannominata la bomba d’aereo della seconda guerra mondiale scoperta a Vicenza. Lo ha comunicato il sindaco, Achille Variati. La bomba è stata caricata su un camion dell’Esercito, pronta a lasciare l’ex aeroporto Dal Molin verso una cava…

Civitavecchia: Esercito disinnesca ordigno bellico da 500 libbre

(ASCA) – Roma, 25 apr 2014 – Gli artificieri dell’Esercito hanno provveduto a disinnescare un ordigno bellico, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto nei giorni scorsi presso la fortezza ”Bramante” di Civitavecchia (Rm). L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana da 500 libbre, e’ stato rinvenuto – riferisce una nota – con entrambe le spolette…

Bomba Day, disinnesco concluso: la “Old Lady” verrà fatta brillare

VICENZA – Si sono concluse poco fa con successo le operazioni di disinnesco della Old Lady, come è stata soprannominata la bomba d’aereo della seconda guerra mondiale scoperta a Vicenza. Lo ha comunicato il sindaco, Achille Variati. La bomba è stata caricata su un camion dell’Esercito, pronta a lasciare l’ex aeroporto Dal Molin verso una cava…

Civitavecchia: Esercito disinnesca ordigno bellico da 500 libbre

(ASCA) – Roma, 25 apr 2014 – Gli artificieri dell’Esercito hanno provveduto a disinnescare un ordigno bellico, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto nei giorni scorsi presso la fortezza ”Bramante” di Civitavecchia (Rm). L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana da 500 libbre, e’ stato rinvenuto – riferisce una nota – con entrambe le spolette…

Tolta la terza spoletta dell’ordigno

 E’ il giorno della Old Lady, quella «Vecchia signora» che da qualche mese sta tenendo col fiato sospeso Vicenza. Alle 7 sono suonate le sirene per il via alla mega-operazione di evacuazione, come da programma. Alle 5 di mattina si era aperto il Centro direttivo di coordinamento in Fiera, che coordina anche gli uomini della…

Tolta la terza spoletta dell’ordigno

 E’ il giorno della Old Lady, quella «Vecchia signora» che da qualche mese sta tenendo col fiato sospeso Vicenza. Alle 7 sono suonate le sirene per il via alla mega-operazione di evacuazione, come da programma. Alle 5 di mattina si era aperto il Centro direttivo di coordinamento in Fiera, che coordina anche gli uomini della…

Bomba D’aereo al Forte Michelangelo

despolettamento ordigno Tutto pronto per la rimozione della bomba rinvenuta al Forte Michelangelo. Le operazioni sono iniziate alle 7.30 e, a partire da quell’ora, verrà completamente evacuata una vasta area del centro.

Bomba D’aereo al Forte Michelangelo

despolettamento ordigno Tutto pronto per la rimozione della bomba rinvenuta al Forte Michelangelo. Le operazioni sono iniziate alle 7.30 e, a partire da quell’ora, verrà completamente evacuata una vasta area del centro.

Trentamila vicentini lasciano le loro case per sette ore

VICENZA – Meno uno. Fra meno di ventiquattr’ore sarà Bomba day. Domani verrà fatta brillare la bomba da 1.800 chili rinvenuta all’ex Dal Molin in occasione della bonifica bellica. Un appuntamento che comporterà l’evacuazione, per almeno sette ore, di trentamila persone residenti a Vicenza, Costabissara e Caldogno. Queste dovranno lasciare case e negozi entro le…

Trentamila vicentini lasciano le loro case per sette ore

VICENZA – Meno uno. Fra meno di ventiquattr’ore sarà Bomba day. Domani verrà fatta brillare la bomba da 1.800 chili rinvenuta all’ex Dal Molin in occasione della bonifica bellica. Un appuntamento che comporterà l’evacuazione, per almeno sette ore, di trentamila persone residenti a Vicenza, Costabissara e Caldogno. Queste dovranno lasciare case e negozi entro le…

Montecassino bombe e bugie

di Sergio Caroli  Pochi eventi della seconda guerra mondiale hanno suscitato dispute come la distruzione della millenaria abbazia benedettina di Montecassino. A 70 anni da quel 15 febbraio 1944 in cui gli alleati decisero i bombardamenti in una battaglia che vide impegnati soldati di venti nazioni, a squarciare nuovi scenari su quella tragedia è il volume di…