Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Scicli, nel corso della bonifica trovati dei proiettili che sono stati fatti brillare

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

CataniaPalermoSiracusaAgrigentoCaltanissettaTrapaniMessinaEnna

Ragusa–Scicli

«Dopo la segnalazione di un Sub riguardo un oggetto non identificato, simile ad un ordigno bellico, abbiamo attivato le nostre squadre per la verifica e il recupero ed abbiamo appurato che si trattava di una bombola da Sub recuperata alcuni giorni fa». Lo riferiscono dagli uffici della Capitaneria di Porto di Pozzallo che, invece, ci hanno dato un’altra notizia: durante le operazioni di bonifica nello specchio d’acqua antistante la costa di Sampieri, sono stati rivenuti dei proiettili risalenti, probabilmente, alla seconda guerra mondiale e che sono stati fatti brillare ieri mattina a largo di Pozzallo. Le operazioni, coordinate dalla Capitaneria di Porto, sono state affidate ai palombari del nucleo Sdai (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Augusta. I proiettili – come detto- sono stati rivenuti nello specchio d’acqua antistante la costa di Sampieri, nello sciclitano, nel corso delle operazioni di bonifica che sono seguite alla segnalazione di un sospetto ordigno. Anche in questo caso, sul posto, erano intervenuti gli uomini dello Sdai sollecitati dai militari della Capitaneria di Porto dopo la segnalazione di un Sub il quale, mentre svolgeva attività di pesca, aveva notato, e successivamente segnalato un oggetto non identificato dalla forma e dimensione assimilabile a un ordigno bellico, a dieci metri dalla costa e alla profondità di un metro. Una volta sul posto, i palombari hanno appurato che l’oggetto in questione non era un ordigno, bensì una vecchia bombola da Sub che è stata recuperata. In attesa di svolgere le dovute verifiche, dopo la segnalazione del Sub, la Capitaneria aveva vietato, nel raggio di 500 metri dallo specchio d’acqua interessato, a persone, mezzi e unità navali, di accedere al sito, transitare, sostare, praticare la balneazione. La notizia era stata rilanciata ieri mattina anche dal Comune di Scicli per rendere noto a tutti i soggetti interessati dell’ordinanza in vigore nella costa di Sampieri. Dalla Capitaneria di Porto di Pozzallo, ci confermano delle operazioni effettuate, sia per quanto riguarda il recupero della bombola da Sub rinvenuta a circa 10 metri dalla costa di Sampieri e a un metro di profondità, sia dei proiettili rinvenuti sempre nella stessa area e fatti brillare. «Considerata la conclusione di entrambi le operazioni – ci dicono dalla Capitaneria – l’ordinanza di divieto di accedere al sito, transitare, sostare, praticare la balneazione nel raggio di 500 metri dal punto interessato, non è più in vigore». Non sono rari, nel Mar Mediterraneo, i ritrovamenti di relitti e di ordigni risalenti alle guerre mondiali, la nostra costa, infatti, è stata e continua ad essere testimone di eventi importanti ( e a volte anche tragici) che hanno segnato la storia dell’intero Paese.

Foto-Fonte: https://www.ialmo.it/news/ialmo-news/scicli-il-sospetto-ordigno-era-una-bombola-da-sub/

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzo, Molise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
mare