624x468

Le mine di Pinochet

Il 27 Maggio 2016 il Ministro della Difesa cileno, Jose Antonio Gomez Annuncia: << a partire dal 2002 abbiamo rimosso 130.497 mine su un totale di 181,814 posate ai tempi della dittatura ai confini con il Perù>> ovviamente aggiunge chi scrive, al lavoro effettuato dai militari, restano inesplosi ben 50867 ordigni. Anzi, a confermare il…

135344_10151895296315568_158801573_o

Gli operatori di pace in Fiera per raccontare le loro esperienze

di Laura Migliaccio I grandi operatori internazionali di pace saranno alla Fiera del Levante di Bari mercoledì 14 settembre, ospiti del convegno “La cultura e l’educazione alla pace”. L’evento, che partirà alle 10, è organizzato dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra con l’obiettivo di raccontare le iniziative di solidarietà promosse da protagonisti della cultura, della scienza e operatori della scuola…

001a-3

Fano, ritrovato ordigno bellico inesploso. L’ANVCG ricorda: «Massima attenzione»

di Matteo Spinelli ROMA – Ancora ordigni inesplosi in Italia. Oggi una bambina di Perugia ha rinvenuto una bomba, all’apparenza perfettamente funzionante, del tipo ad ananas, nel fondale marino a pochi metri dalla riva della spiaggia libera di Sassonia 3 a Fano. La bambina, di nome Gaia, ha consegnato tempestivamente l’ordigno al bagnino ed è stato…

14184415_10208560175334965_253671732817201643_n

“La cultura e l’educazione alla pace”

Le guerre non finiscono quando tacciono le armi. Si protraggono all’infinito, provocando ogni anno migliaia e migliaia di vittime. Gli ordigni bellici inesplosi, di cui i territori rimangono orribilmente disseminati, continuano a uccidere e mutilare, soprattutto i bambini, attratti da questi micidiali oggetti di morte che ai loro occhi appaiono innocui. La bonifica bellica si…

trtworld-nid-177400-fid-210800

Landmine Monitor, vittime di munizioni a grappolo

03/09/2016 Siria– Yemen Landmine Monitor denuncia che nel 2015 le vittime civili delle munizioni a grappolo sono più di 417. Munizioni, continua Landmine, che hanno ucciso in Siria, in Yemen. Tuttavia non dimentichiamo altri teatri di guerra dove munizioni a grappolo o mine di circostanza continuano ad uccidere. Perciò il numero appare del tutto inferiore…

001a-3

ANVCG, pericolo ordigni inesplosi

Ieri, a Sassulo di Monterenzio nel Bolognese, l’esplosione di un ordigno bellico della seconda guerra mondiale ha ucciso due persone. Ad esplodere, secondo i primi accertamenti, sarebbe stato un proiettile da 30 millimetri, un residuato bellico che si trovava nel garage di un’abitazione privata in campagna, che ha ucciso un uomo di 55 anni e una…

image022

La gente, brutta, sporca e cattiva

Mentre le piccole o grandi guerre, quelle mediaticamente note o giornalisticamente meno seguite continuano a spargere orrori inimmaginabili, causando di fatto, la fuga delle popolazioni perseguite da bombe o terrorismo i leader politici europei avvolti da grande confusione alzano nuove muraglia, fili spinati, destinati a bloccare un flusso migratorio di massa in grado di procurare…

2016-08-18T151815Z_43093664_S1AETWEASDAA_RTRMADP_3_MIDEAST-CRISIS-SYRIA-ALEPPO-BOY-U20437913222VRC--835x437@IlSole24Ore-Web

I miracoli di Omran

Come ben sapete questo portale web, è indirizzato alle vittime civili da residuati bellici (Uxo). Ordigni bellici che uccidono a distanza di tempo, quando la guerra è ufficiosamente terminata. Tuttavia gli attuali rinvenimenti, andrebbero “letti” come monito, per presente e futuro, ma così non è, d’altronde come potrebbe un sito web influenzare gli eventi in…

Falcone Giovanni magistrato

Residuati bellici, malavita e terrorismo

Il Daily Express, notissimo giornale londinese, sostiene che parte delle sostanze esplosive utilizzate dai gruppi terroristici Jihadisti, provengono dal contenuto dei residuati bellici, risalenti alla seconda guerra mondiale. Naturalmente la notizia è rilanciata in ogni angolo terreste. Ma a dirla tutta è da sempre che terroristi di tutto il mondo utilizzano l’esplosivo contenuto nei residuati…

Lascia un commento