Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Capo Feto, possibile presenza di ordigno bellico sul fondale

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

RagusaSiracusaPalermoMessinaCataniaEnnaAgrigentoCaltanissetta

TrapaniMazara del ValloCapo Feto

Il sottoscritto Capitano di Fregata (CP), Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Mazara del Vallo, vista la propria Ordinanza n. 21/16 emanata a seguito della segnalazione pervenuta a questo Comando circa la presenza di un presunto ordigno bellico, rinvenuto nello specchio acqueo prospicente l’arenile in località Capo Feto (Comune di Mazara del Vallo), in un fondale misto (sabbia/roccia) di circa 3 metri, a circa 200 metri dalla battigia, nel punto di coordinate Lat. 37°39.461’N – Long. 012°31.879’E; il msg. di CONSUBIN/GOS/SDAI/AUGUSTA prot. n. 3176 del 19/10/2016 con il quale si comunica la disponibilità ad effettuare in data 20 Ottobre 2016 l’intervento di bonifica del suddetto presunto ordigno, cosi come disposto dalla Prefettura di Trapani con nota n° 2625/16 del 13.10.2016; considerata la necessità di prevenire il verificarsi di possibili danni e di salvaguardare l’incolumità delle persone, delle cose e la sicurezza della balneazione in occasione dell’intervento di rimozione/distruzione degli ordigni di cui sopra da parte del Nucleo artificieri MMI di Augusta; visti gli artt. 17, 30 e 81 del C. N. e l’art. 59 del relativo Regolamento di Esecuzione. Rende noto che in data 20 Ottobre 2016, a partire dalle ore 08.00 e fino a termine esigenza, avranno luogo le operazioni di brillamento in mare, nel punto in premessa meglio indicato, di un ordigno bellico rinvenuto nelle acque antistanti località Capo Feto del Comune di Mazara del Vallo.

Ordina

ART. 1

Disposizioni di sicurezza

A partire dalle ore 08.00 del giorno 20 Ottobre 2016 e fino al termine delle operazioni di rimozione e brillamento dell’ordigno bellico, che avverranno nel punto di coordinate GPS Lat. 37°38.046’N – Long. 012°33.852’E, è vietato: il transito, la sosta, l’ancoraggio di qualsiasi unità navale, la balneazione, la pesca (anche subacquea) e l’esercizio di qualsiasi altra attività in mare per un raggio di 300 (trecento) metri effettuata da personale

diverso da quello appartenente alle locali Forze di Polizia e del Nucleo SDAI di Augusta.

ART. 2

Disposizioni finali e sanzioni

E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e fare osservare la presente Ordinanza.

I contravventori alla presente Ordinanza, che entra in vigore immediatamente, saranno perseguiti a termine di legge e ritenuti responsabili civilmente e penalmente dei danni arrecati alle persone o cose derivanti dal loro illecito operato, manlevando l’Autorità Marittima da ogni responsabilità.

La presente Ordinanza è pubblicata dalla data odierna all’albo della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo ed inclusa alla pagina “Ordinanze” del sito istituzionale www.guardiacostiera.gov.it/mazara-del-vallo, nonché opportunamente diffusa tramite gli organi d’informazione.

Foto-Fonte: https://www.primapaginamazara.it/capo-feto-possibile-presenza-di-ordigno-bellico-sul-fondale-richiesto-l-intervento-del-nucleo-artificieri-mmi-di-augusta/

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Autorità Portuali 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
capo-feto-770x410