Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Un sub ritrova nel lago un ordigno bellico, era a 3 metri da riva

Categories: Bonifica perché

Esercito ItalianoMarina Militare

PaviaMilanoSondrioVareseBergamoCremonaLodiMantovaComoBergamoLeccoMonza-Brianza

Brescia

Era in acqua a tre metri dalla passeggiata pedonale sul lungolago di Maderno, in zona Piantù. Un ordigno bellico, che secondo quanto è stato ricostruito finora sarebbe un mortaio risalente addirittura alla prima guerra mondiale, è stato avvistato da un sub che oggi pomeriggio stava per immergersi nelle acque del Garda. Subito allertate le Forze dell’Ordine, che hanno chiuso al traffico e transennato la zona dell’intervento, in attesa degli artificieri da Genova per il recupero e l’eventuale brillamento. (8° reggimento Genio Guastatori Paracadutisti di Legnago della Brigata FOLGOREComando Forze Operative Nord di Padova e SDAI Ancona). I Carabinieri e la Locale presidiano la passeggiata lungolago e sono vietate la balneazione e la navigazione. Sul posto anche gli uomini della Guardia costiera.

Foto-Fonte: https://www.giornaledibrescia.it/garda/un-sub-ritrova-nel-lago-un-ordigno-bellico-era-a-3-metri-da-riva-1.3494181

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

Foto: Passeggiata lungolago chiusa a Maderno per il ritrovamento di un ordigno – Foto © www.giornaledibrescia.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image