Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Sorso, rimossi dai Palombari della Marina Militare 12 proiettili di artiglieria inesplosi

Categories: Bonifica perché

Questa mattina i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei e Incursori della Marina Militare hanno condotto un intervento in “Loc. Tonnara” a Sorso per rimuovere diversi ordigni esplosivi, residuati bellici, che erano stati segnalati da un subacqueo sportivo. A seguito della segnalazione della Capitaneria di porto di Porto Torres che ha indicato il posizionamento dei residuati bellici, la Prefettura di Sassari ha disposto e coordinato l’intervento di bonifica d’urgenza che è stato condotto dal Gruppo Operativo Subacquei della Marina Militare. Il tenente Gianfranco TOMMASI, comandante del Nucleo SDAI di La Maddalena ha confermato la presenza dei proiettili di artiglieria inesplosi di vari calibri, circa 12, immersi nel punto segnalato dall’Autorità Marittima, a una profondità di 26 metri e ad una distanza dalla costa di 3 miglia nautiche. Dopo aver individuato gli oggetti, i palombari della Marina Militare hanno provveduto a rimuoverli dal fondale marino in cui erano posizionati e a trasferirli in un’altra zona in alto mare individuata dalla Capitaneria di porto. Lì è stata effettuata un’ultima immersione per portare a termine la distruzione degli ordigni, secondo le consolidate precauzioni tese a preservare l’ecosistema marino”.

 Foto-Fonte: http://www.sassarinotizie.com/articolo-50399-sorso_rimossi_dai_palombari_della_marina_militare_12_proiettili_di_artiglieria_inesplosi.aspx

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
ImageServer