Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Ordigni bellici tra le sterpaglie Trovate quaranta bombe inesplose

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe Alpine

RavennaRiminiFerraraForlì-CesenaModenaReggio EmiliaParmaPiacenza

BolognaMonterenzio

Zoe Pederzini

Una scoperta insolita nei boschi intorno a Monterenzio, dove un cittadino. tra le sterpaglie, ha scoperto una quarantina di bombe da mortaio arrugginite, ma ancora inesplose. Immediatamente sono stati allertati i carabinieri della locale stazione di Monterenzio, che fanno capo alla Compagnia di San Lazzaro. I militari si sono recati sul posto dove hanno appurato il ritrovamento di 44 bombe risalenti la Seconda Guerra Mondiale, e di presunta fabbricazione americana. L’area è stata recintata e messa del tutto in sicurezza. I carabinieri locali hanno, poi, provveduto ad attivare gli artificieri del reparto del Genio Ferrovieri dell’Esercito (Comando Forze Operative Nord di Padova). Non è la prima volta, nell’ultimo periodo, che il territorio di Monterenzio si lega a doppio filo a storie o ricordi della Seconda Guerra Mondiale. Durante le festività natalizie, infatti, il comune della valle dell’Idice era finito su tutte le testate locali, nazionali, ma anche internazionali con la commovente storia di Martin Adler. Il soldato americano che, dalla Florida, con l’aiuto di una vecchia diapositiva in bianco e nero e dello scrittore Matteo Incerti, è riuscito a re incontrare, anche se solo virtualmente, tre fratelli, oggi adulti, conosciuti nei lontani anni Quaranta proprio a Monterenzio.

Foto-Fonte: https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/ordigni-bellici-tra-le-sterpaglie-trovate-quaranta-bombe-inesplose-1.6113748

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
immagini.quotidiano