Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Bomba Day, ordigno disinnescato: sarà fatto brillare a Boscomantico

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe Alpine

VicenzaVeneziaTrevisoRovigoBellunoPadova

Verona

ORE 11. Terminate le operazioni di disinnesco. Il prefetto incontra i militari (8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti di LegnagoComando Forze Operative Nord di Padova)

che hanno operato sull’ordigno bellico ritrovato in via Città di Nimes. Ora la bomba verrà trasportata in sicurezza a Boscomantico dove sarà fatta brillare. Alle 12.30, a Palazzo Barbieri, il sindaco terrà un punto stampa per ragguagliare la cittadinanza sull’evacuazione di questa mattina. Tutto pronto per il Bomba Day. Questa mattina anche il sindaco Federico Sboarina, l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani e il comandante della Polizia Locale Luigi Altamura seguono le operazioni di rimozione dell’ordigno bellico in via Dal Cero. Quello che succederà nel raggio di 352 metri è stato studiato e programmato nei minimi dettagli. In primis le operazioni di evacuazione della popolazione, con servizi navetta speciali e un centro di accoglienza alla Gran Guardia. E poi l’attivazione di posti di blocco e vigilanza in tutta la zona rossa, affinché nessuno la attraversi e le abitazioni siano al sicuro da eventuali malintenzionati. Fino alla rimozione e al trasporto dell’ordigno bellico, che non verrà fatto brillare sul posto ma domani a Boscomantico. Oggi dalle 7 alle 12, 60 volontari della Protezione civile e altrettanti uomini delle forze dell’ordine saranno impegnati per garantire la sicurezza dei 1.217 residenti che dovranno lasciare le case. Sarà il Centro coordinamento soccorsi della Prefettura a dare il via all’intera operazione. Dalle 7 alle 8.30 la popolazione dovrà essere evacuata. Dopodiché partiranno gli accertamenti per verificare che tutto sia in regola e che piazze e strade siano completamente vuote e un elicottero della Polizia sorvolerà la zona. Per tutta la mattinata saranno chiusi al transito i sottopassi della circonvallazione esterna e l’ultimo tratto della bretella T4-T9, con uscita obbligatoria allo Stadio. Una volta rimossa la spoletta sul posto e trascorsi i 30 minuti di saturazione, l’ordigno verrà scortato fino a Boscomantico. Il trasporto sarà effettuato da un mezzo militare scortato da una staffetta della Polizia stradale. Lungo tutto il tragitto concordato con gli artificieri, saranno presenti anche un’autobotte dei Vigili del Fuoco e la Croce Rossa. In un’area già definita è stato predisposto un fornello di brillamento con posa in opera di 100 metri cubi di sabbia asciutta. Ed è stata realizzata una trincea a protezione di una conduttura interrata del gas, che ovviamente verrà disattivata, a circa 180 metri da dove sarà disinnescata la bomba da parte degli artificieri dell’8° Reggimento Genio Guastatori. Dopodichè l’ordigno verrà distrutto definitivamente. Essenziali saranno, tra una fase e l’altra, altri 30 minuti di saturazione per effettuare l’accesso alla bomba, identificare alcune schegge e verificare che l’esplosivo, in ogni sua parte, non costituisca più pericolo. L’ORDIGNO. La bomba inglese, probabilmente caduta nel gennaio 1945, pesa all’incirca 500 libbre ossia 250 chili e contiene 104 chili di esplosivo ad alto potenziale. L’ordigno, già messo in sicurezza nel momento del rinvenimento, presenta nella parte posteriore una spoletta contraddistinta dal numero 3, tale da permettere la rimozione a distanza. A dare tutti i dettagli dell’operazione, ieri mattina in diretta streaming, il sindaco Federico Sboarina: «È tutto pronto. In queste settimane le istituzioni, le forze dell’ordine e gli uffici hanno fatto un lavoro eccellente per studiare tutti i dettagli e per ridurre i disagi per la città e i veronesi. Abbiamo utilizzato tutti i canali di comunicazione per informare i residenti della zona rossa sulle procedure da mettere in atto, poche regole, chiare ma che vanno rispettate per la buona riuscita del disinnesco».

Foto-Fonte: https://www.larena.it/territori/citt%C3%A0/scatta-il-bomba-day-una-task-force-in-campo-cittadini-evacuati-e-bus-deviati-1.8510711

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image