Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Vercelli, Conoscere per Ri-Conoscere al Raduno Alpino

Categories: Editoriali

In Occasione del 21° raduno del Primo Raggruppamento Alpini di Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta e Francia, che si è tenuto il 12-13-14 ottobre a Vercelli, ospitata dalla Direzione ANA, l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra ha presentato a studenti e visitatori (circa 25.000) la campagna Conoscere per Ri-Conoscere. Quindi una tre giorni rivolta anche al pericolo ordigni bellici inesplosi. A Organizzare il simpatico collegamento ANVCG-ANA è stato il referente piemontese del Dipartimento O.B.I. Giovanni Comoglio, penna nera da sempre, relatore delle nostre campagne da tanti anni. La prima giornata nel gazebo messoci a disposizione dalla Protezione Civile, abbiamo accolto un gran numero di alunni degli Istituti Compresivi della Provincia. Tra i relatori è stato presente anche Renato Silvestre. Ragazzini attenti, incuriositi e sempre pronti a porre a tutti quesiti mai fuori tema.

43664741_10213803447740595_6806084302871199744_n

43712933_10213803441780446_5013501091099181056_n

43877865_10213803446900574_2204178663711178752_n

43951884_10213803442380461_1809422258121211904_n

Il pomeriggio è stato dedicato a visitatori di ogni età. Il 12 mattina il gazebo è stato costantemente visitato in ogni ora della giornata, abbiamo incontrato persone consapevoli del pericolo ordigni inesplosi e persone davvero incredule dei rischi prodotti dai residuati bellici.

43950464_10213805761798445_3248995287426924544_n

quindi, per mezzo di un cercamine e del nastro biancorosso con il quale è stato simulato un corridoio da sminare, il team ANVCG ha immediatamente risposto alla richiesta dei ragazzini di trasformarsi per qualche minuto in piccoli sminatori. Anche in questa circostanza l’attenzione dei ragazzini è stata notevole. Non è semplice adoperare un metal detector, ma i piccoli protagonisti sono stati davvero eccellenti: piatto basso, passi lenti e larghi, massima attenzione nei confronti del ricevitore acustico. E tutto questo in presenza di genitori divertiti e compiaciuti. Il 13 mattina la gran sfilata di penne nere in tutta la città.

Giovanni Lafirenze 

44037819_10213818573678734_7339204359802060800_n

43952700_10213818708242098_1981340066584199168_n

44044634_10213818702161946_5600932297978150912_n

44055690_10213818584399002_1554093302846849024_n

44112001_10213818712482204_318080660851916800_n

44178820_10213818700081894_4778935042820800512_n

 

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
43788176_10213810095506785_8730416053059846144_n