Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Va a camminare in spiaggia e spunta un residuato bellico

Categories: Bonifica perché

TrevisoPadovaVicenzaVeronaRovigoBelluno

VeneziaSan Michele al Tagliamento-Bibione

Rosario Padovano

Un residuato bellico della Seconda guerra mondiale è stato recuperato, tra le onde, oggi alle 15.20 sul litorale di via Delfino, a pochi passi dal centro, dal fotografo Fabio Stendardo, 41 anni, originario di Tarvisio ma residente a Bibione da qualche anno con la famiglia. L’uomo aveva accompagnato i figli in spiaggia per camminare e mentre i ragazzini giocavano si è dilettato a scattare qualche foto con la sua macchina fotografica. Camminando sul bagnasciuga, la sua attenzione è stata catturata da un oggetto ferroso, di colore marrone: era il bossolo di una bomba. “L’acqua lo stava ricacciando indietro, ma avrebbe potuto essere trasportato in un altro punto del litorale da eventuali mareggiate. Così, forse un po’ inconsciamente – ho afferrato tra le mani il residuato bellico. All’inizio non pensavo fosse una bomba, ma poi mi sono reso conto che lo era. L’ho collocato in un punto sicuro della spiaggia, lontano dai miei bambini e da altre persone, quindi ho chiamato i soccorsi”. Sul posto sono accorsi gli uomini e le donne della Guardia costiera di Bibione e dei Carabinieri. “Il residuato – conclude Stendardo, che di professione è grafico – è lungo poco più di una scarpa, e assicuro che è molto pesante. In passato a Bibione avevo recuperato qualche bossolo. Non escludo che in futuro possano spuntare altri residuati”.

Foto-Fonte: https://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2021/03/27/news/va-a-camminare-in-spiaggia-e-spunta-un-residuato-bellico-allarme-a-bibione-1.40080708

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia e le Autorità Portuali

Valle d’AostaPiemonteLiguria, LombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
bomba