Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Una bomba di carro armato vicino alle colonne del Palladio

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe Alpine

VeneziaTrevisoPadovaVeronaRovigoBelluno

VicenzaIsola Vicentina-Malo

Un ordigno bellico, probabilmente una bomba da carro armato, salta fuori a Molina, a pochi passi dalla “Corte granda” dove vi sono i resti della villa che Andrea Palladio avrebbe progettato per i Da Porto. Il rinvenimento risale a qualche giorno fa, durante i lavori in un fondo agricolo di via della Corte bassa per il rifacimento di una recinzione. I proprietari hanno subito avvisato i Carabinieri della stazione di Malo che hanno provveduto alla messa in sicurezza del sito e a chiedere l’intervento degli artificieri (8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti di LegnagoComando Forze Operative Nord di Padova). Il disinnesco dovrebbe avvenire in questi giorni, essendosi sovrapposta la richiesta al ponte pasquale. L’area è di interesse storico perché, secondo gli esperti, il Palladio progettò nel 150 una villa monumentale per Iseppo da Porto ma non fu mai completata per la morte sopraggiunta del committente, una decina d’anni dopo. L’ordigno potrebbe essere appartenuto alle truppe naziste ma non si esclude che, a sotterrarlo, siano stati i partigiani, secondo quanto narrano gli anziani del posto.

Foto-Fonte: https://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/schio/una-bomba-di-carro-armato-vicino-alle-colonne-del-palladio-1.8571357?refresh_ce

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagna, ToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image