Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Una bomba ai piedi di un albero: mistero a Castelletto di Brenzone

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe alpine

VeneziaVicenzaRovigoBellunoTrevisoPadova

VeronaBrenzone

di Gerardo Musuraca

Che ci fa una bomba appoggiata ad un pino all’ingresso sud del lungolago di Castelletto di Brenzone (Verona)? È mistero a Brenzone sul ritrovamento di una bomba, «verosimilmente un proiettile di mortaio della seconda Guerra Mondiale», come ha spiegato il comandate della Polizia Locale, Domenico Laporta. L’ordigno è stato dapprima messo in sicurezza facendo in modo che l’area fosse interdetta a tutti, e poi portato via martedì (15 dicembre) e fatto brillare a Boscomantico, vicino a Verona. Così, ieri mattina, «gli artificieri della Folgore, (8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore” di LegnagoComando Forze Operative Nord di Padova) in collaborazione con i Carabinieri e con la Croce Rossa Italiana, hanno portato via questo oggetto metallico di circa 30 centimetri e del peso di un chilogrammo e lo hanno fatto brillare», ha aggiunto Laporta. Insomma: «la bomba era carica anche se difficilmente sarebbe potuta scoppiare visto che, di fatto, è un proiettile», hanno proseguito da Brenzone. «L’area attualmente è stata sgomberata e messa in sicurezza quindi non c’è alcun tipo di problema a sud di Castelletto, a pochi passi dal cimitero», ha confermato il sindaco, Davide Benedetti. Non abbiamo idea al momento di chi abbia portato questo proiettile a Castelletto, e neppure il motivo per cui sia stato messo ai piedi di un albero di pino. Forse, nella migliore delle ipotesi, qualcuno si è ritrovato la bomba in cantina e se ne è voluto liberare. Una alternativa potrebbe essere che qualche subacqueo abbia ritrovato sui fondali del lago, magari quelli circostanti il Trimelone prima che gli stessi venissero bonificati, la bomba e adesso abbia pensato bene di disfarsene, abbandonandolo in un luogo dove comunque sapeva che sarebbe stato avvistato», ha chiuso Benedetti. Resta quindi sconosciuto il motivo per cui il mega proiettile è stato ritrovato e, soprattutto, chi lo abbia portato in quel luogo, a ridosso di una proprietà privata sulla nuova pista ciclo-pedonale di Brenzone.

Foto-Fonte: https://www.larena.it/territori/garda-baldo/una-bomba-ai-piedi-di-un-albero-mistero-a-castelletto-di-brenzone-1.8390956?refresh_ce

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia 

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

 

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image