Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Trova degli ordigni bellici in uno scantinato durante le pulizie e li porta dai carabinieri

Categories: Bonifica perché

MilanoBresciaLeccoMonza-BrianzaComoBergamoCremonaLodiMantovaPaviaSondrio

VareseCastiglione Olona

Trova presunti ordigni bellici in uno scantinato e incautamente li porta in caserma. Fortunatamente erano inerti, ovvero privi di carica. Mentre faceva ordine nell’abitazione del padre, una donna di Castiglione Olona ha rinvenuto due oggetti che ha ritenuto potessero essere ordigni bellici, presumibilmente risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. Incautamente, la donna, ha raccolto i due ordigni e li ha portati ai Carabinieri della Stazione di Castiglione Olona, senza rendersi conto del grave rischio al quale andava incontro se, contrariamente a quanto accertato dai Carabinieri artificieri del Comando Provinciale di Milano, immediatamente attivati dai militari di Castiglione Olona e prontamente intervenuti per la messa in sicurezza e la distruzione dei manufatti (fatti brillare in un’area sicura), gli stessi non fossero stati inerti, ovvero privi di carica esplosiva. È ancora molto frequente che cittadini si trovino davanti a residuati bellici di vario genere: dal munizionamento alle bombe o addirittura a mine o pezzi di artiglieria. In caso di rinvenimento di oggetti di questo genere, anche se si ha certezza che si possa trattare di manufatti inerti, è sempre necessario informare le forze di polizia del territorio. Il recupero di tale materiale potrebbe risultare pericoloso se non effettuato da personale altamente qualificato. Esistono, a solo titolo di esempio, proiettili di grosso calibro di fabbricazione austriaca della prima metà del secolo scorso, che pur privi di carica nel fondello e con il bossolo completamente scarico di polvere da sparo, hanno del materiale altamente esplodente sulla punta dell’ogiva. In tal caso si immagina di maneggiare munizionamento assolutamente inoffensivo perché costituito di solo metallo che in realtà contiene ancora esplosivo celato nell’incamiciatura della punta. La procedura corretta da attuare in caso di rinvenimento di ordigni o munizionamento di qualsiasi natura o epoca di fabbricazione, quindi, è quella di seguire una serie di regole d’oro. Informare immediatamente le forze di polizia tramite il 112 o recandosi direttamente in un comando; evitare di rimuovere ogni tipo di oggetto che circonda il manufatto sospetto; circoscrivere l’area in attesa dell’intervento di una pattuglia delle forze di polizia; allontanarsi dalla zona interessata evitando che curiosi o altre persone si avvicinino. In ogni caso, l’importante è non prelevare o maneggiare il materiale. L’intervento della pattuglia sarà tempestivo anche in orari notturni. E’ sempre utile sapere, infine, che la semplice detenzione di armi e munizionamento da guerra, a prescindere dall’origine, qualora non sia giustificato è un reato.

Fonte: http://www.varesenoi.it/2019/09/29/leggi-notizia/argomenti/territorio/articolo/trova-degli-ordigni-bellici-in-uno-scantinato-durante-le-pulizie-e-li-porta-dai-carabinieri.html

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
ordigni