Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Trova bomba e la porta alla Polizia Locale

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe Alpine

BiellaTorinoAlessandriaNovaraVerbano-Cusio-OssolaVercelliAsti

CuneoFossano

Di Andrea Ottolia

Una bomba da mortaio, della Seconda guerra mondiale, è stata trovata a Fossano, vicino al depuratore comunale: l’ordigno, arrugginito e di circa 10 centimetri di lunghezza, viene fatto brillare in questi giorni. Rocambolesco – e pericoloso – il modo in cui la bomba è stata prelevata dal luogo in cui si trovava. Un volontario, che si reca abitualmente sulle rive del fiume Stura per recuperare i rifiuti abbandonati, dopo aver notato l’ordigno, lo ha raccolto e portato con sé fino al Comando della Polizia locale di Fossano, dove lo ha infine consegnato. La buona volontà dell’uomo, che giustamente vuole tenere pulite le sponde del fiume, stride con l’evidente sottovalutazione del rischio a cui ha esposto se stesso e quanti ha incontrato mentre aveva con sé la bomba: pur essendo privo di spoletta e quindi di fatto disinnescato, l’ordigno conserva infatti la sua pericolosità. Non a caso, gli agenti fossanesi hanno avviato immediatamente l’iter previsto per il rinvenimento di bombe inesplose. In particolare, è stato coinvolto il 32° reggimento Genio guastatori dell’Esercito, (Comando Truppe Alpine Bolzano) che è di stanza nella stessa Fossano, insieme con i Carabinieri; sono stati informati dell’accaduto anche il sindaco e la Prefettura di Cuneo. L’ordigno è stato infine destinato a un’area privata, chiusa al pubblico. Fanno sapere dal Comando di Polizia locale: “Pur valutando l’eventuale buona fede del soggetto, si giudica l’azione sconsiderata, in quanto ha messo a repentaglio l’incolumità del cittadino e quella degli operatori. Ricordiamo alla popolazione che qualora venga riscontrata la presenza di un residuato bellico, per nessun motivo lo si deve toccare, bensì chiamare immediatamente le Forze dell’ordine al fine di delimitare e mettere in sicurezza la zona”.

Foto-Fonte: https://www.lafedelta.it/2022/03/28/trova-bomba-e-la-porta-alla-polizia-locale/

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzo,

MoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

Egregi Editori, il portale biografia di una bomba è orientato ad evidenziare i pericoli causati da residuati bellici, ma l’aspetto più importate consiste nel non avere fini di lucro ma solo quello di diffondere la consapevolezza del rischio dei residuati bellici. Chiediamo scusa se preleviamo le foto dei vostri articoli, ma ci servono per contestualizzare le modalità del rinvenimento. Citeremo sempre fonte e autore della foto. Sicuri di una vostra comprensione vi ringraziamo in anticipo.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Bomba-Stura-696x500