Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Tra di loro non si usa né «buona fortuna» né «in bocca al lupo»

Categories: Bonifica perché,Editoriali

Esercito Italiano

BellunoTrevisoVeronaRovigoVicenzaPadova

Venezia

Tra di loro non si usa né «buona fortuna» né «in bocca al lupo». Il saluto benaugurante prima di mettersi al lavoro su un ordigno di quasi 230 chili è decisamente meno banale: «Buon divertimento». Da una parte l’adrenalina, dall’altra l’esperienza, 50 per cento coraggio e 50 per cento consapevolezza: gli artificieri sono stati gli attori principali della giornata di ieri. Mister bomba ha un nome e un cognome, Giuseppe Spataro, caporal maggiore capo scelto dell’ottavo (8°) reggimento guastatori. È lui a guidare il team di specialisti che ieri ha disarmato l’ordigno di via Ferraris a Porto Marghera. «Queste bombe d’aereo – spiega – hanno due organi sensibili, uno di naso e uno di coda. Con una pressione anteriore, quando la bomba cadeva, si chiudeva la spoletta che andava a colpire il detonatore facendo esplodere l’interno. Quella davanti è a percussione, quella dietro a percussione con massa battente». Come viene reso inoffensivo, quindi, un ordigno del genere? «Utilizziamo delle chiavi a razzo: si tratta di una morsa con due tubi venturi a cui applichiamo due cartucce elettriche. Li azioniamo a distanza e creiamo una rotazione che fa scattare le spolette legate a un elastico. In questo modo, noi possiamo lavorare a distanza e in sicurezza». C’è voluto un po’ meno del previsto. «Noi ci siamo presi circa tre ore perché dobbiamo rispettare dei tempi cadenzati in ogni fase. C’è bisogno, tra un passaggio e l’altro, di un periodo di saturazione, per non compromettere l’operazione. Una volta applicate le cartucce con le chiavi a razzo ci allontaniamo e andiamo in un’area sicura, protetta dalle schegge di un’eventuale detonazione». La bomba ieri era stata blindata in un fortino di sicurezza. «L’ordigno era a sei metri di profondità – continua Spataro – abbiamo realizzato dei lavori di protezione per contenere l’esplosione. L’ipotesi che qualcosa vada storto bisogna sempre metterla in preventivo». Per Spataro quella di ieri è stata la ventitreesima bomba disinnescata. La vera palestra, per quelli come lui, sono le missioni all’estero: dal Libano all’Afghanistan. «La bomba di Marghera è un ordigno regolamentare – prosegue – questo significa che abbiamo praticamente la carta d’identità di queste bombe. Ciò che troviamo all’estero è molto diverso, parliamo di ordigni improvvisati, legati alla fantasia dell’uomo». In quei casi, cioè, non esiste manuale d’istruzioni: ci si affida all’esperienza e alle conoscenze tecnico-scientifiche.

IN MARE

La scelta di far brillare in mare l’ordigno, però, ha sollevato qualche perplessità. «Si è presa questa decisione in base a calcoli di rischio ben precisi – aggiunge il comandante del reggimento, il colonnello Gianluca Dello Monaco – in questo modo è stato possibile ridurre al minimo l’impatto sulla popolazione, sull’attività industriale, sulla realtà veneziana in generale. Per di più è stato possibile limitare i raggi di sgombero e di intervento, rendendo l’intervento meno invasivo, anche perché permette di accorciare i tempi di sgombero dei residenti».

D.Tam.

Fonte: https://www.ilgazzettino.it/pay/primopiano_pay/il_personaggio_mestre_tra_di_loro_non_si_usa_ne_buona_fortuna-5025627.html

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
5025627_pckg_30158068865812807-20200203