Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Sul fondo del canale spunta una granata da mortaio

Categories: Bonifica perché

TriestePordenoneGorizia

di Elisa Michellut

Udine

Nel capoluogo della Bassa è giallo in merito al ritrovamento di una granata da mortaio, lunga venticinque centimetri e con un diametro di dieci centimetri, risalente presumibilmente al secondo conflitto mondiale, rinvenuta nella frazione cervignanese di Strassoldo, in via Gradisca, lungo la provinciale 108, che collega Strassoldo alla frazione aiellese di Joannis.  La granata è stata trovata all’interno del canale Pusianich, che scorre fra le vigne dell’azienda Ca’Bolani, proprio in corrispondenza di un ponte stradale, quotidianamente percorso da decine di veicoli. È stato un residente ad accorgersi dell’ordigno bellico, che affiorava, ben visibile, dall’acqua, e a lanciare l’allarme. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della stazione di Torviscosa, che hanno immediatamente avvertito anche il primo cittadino cervignanese, Gianluigi Savino. Nella zona del ritrovamento, decisamente insolita secondo gli esperti, non risultano scontri armati con pezzi pesanti durante la prima o la seconda guerra mondiale. Spunta l’ipotesi di un abbandono volontario. La Prefettura, intanto, ieri pomeriggio, ha fatto sapere che l’area interessata è stata debitamente delimitata ed è stato collocato un apposito cartello. La zona sarà vigilata dai Carabinieri delle stazioni di Cervignano e Torviscosa. La Prefettura ha richiesto di attivare, con urgenza, tutte le procedure per la bonifica al fine di scongiurare pericoli per l’ordine e la sicurezza pubblica. Nei prossimi giorni, sarà necessario l’intervento dagli artificieri del Terzo Reggimento Genio Guastatori di Udine per rimuovere e far brillare la granata. «Non è la prima volta che viene trovato un ordigno bellico sul nostro territorio – le parole del sindaco, Gianluigi Savino –. Così come in altre occasioni, siamo certi che la professionalità del personale specializzato riuscirà a rendere inoffensiva anche questa granata da mortaio, che mi sembra piuttosto voluminosa. Nelle prossime ore, le autorità competenti ci comunicheranno la data e l’ora in cui avverrà la rimozione e, in base alle indicazioni, disporremo le necessarie misure di sicurezza, confidando che il problema possa essere risolto rapidamente e senza creare disagi alla circolazione e ai cittadini». Vista la posizione delicata in cui si trova la granata, non è escluso che si renda necessaria la chiusura della provinciale, nel tratto interessato dal ritrovamento, per consentire agli artificieri di operare in piena sicurezza. Lo storico Antonio Rossetti, che conosce bene il territorio, avanza qualche perplessità in merito al ritrovamento. «A Strassoldo – evidenzia – non risultano scontri armati con pezzi pesanti – come un mortaio – né durante la primadurante la seconda guerra. Difficile, perciò, pensare a un proietto usato e rimasto inesploso. Si potrebbe invece ipotizzare, visto anche il ritrovamento in un canale, l’abbandono volontario della bomba e non è detto che si tratti di un reperto vecchio. Dalle fotografie sembra di capire che il pezzo sia ancora in buono stato. Forse qualcuno potrebbe essersene liberato da poco. Ovviamente – conclude lo storico strassoldino – saranno gli esperti a valutare».

Foto-Fonte: https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2019/03/07/news/sul-fondo-del-canale-spunta-una-granata-da-mortaio-1.30074457

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
BOM