Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Sudan del Sud, ordigni inesplosi

Categories: Editoriali,ultime

07/11/2016 Sudan del Sud

UNMAS conferma che a causa del solo conflitto del 2013 la situazione rischio ordigni inesplosi è tuttora a codice rosso. La Mine Action Service delle Nazioni Unite, nonostante i gravosi impegni di sminamento, profusi sul territorio, l’attuale situazione resta altamente critica: Circa 150 incidenti da mina per mese, ordigni inesplosi sepolti o a vista ben sparsi nel territorio. Juba la città più esposta a questo tipo d’incidenti. Kelly McAulay, funzionario UNMAS allerta che le vittime prevalentemente, subiscono le detonazioni di proiettili d’artiglieria, bombe a mano e mine. Gli ordigni inesplosi, impediscono alla popolazione di accedere a servizi come pozzi d’acqua, campi agricoli, scuole o punti di pronto soccorso.

Foto:maginternational.org

Fonte: voanews.com

UNMAS, which is tasked with coordinating the clearance of explosive remnants of war (ERW), says it has found on average about 150 new explosive hazards each month in South Sudan since conflict there erupted in December 2013.

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
mine-and-uxo-risk-education-mag-sudan-_446x304