Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Spunta una bomba a mano della Seconda guerra mondiale

Categories: Bonifica perché

Un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale è stato fatto brillare sabato pomeriggio nei boschi del Parco delle Groane, a Ceriano Laghetto. La grossa bomba è stata ritrovata da un pensionato che passeggiava nei boschi della zona e ha dato l’allarme. Il residuato bellico, potenzialmente pericoloso, è stato fatto esplodere dagli artificieri del corpo provinciale di Milano. Un pericoloso ordigno, una bomba a mano risalente alla Seconda guerra mondiale rinvenuta nei giorni scorsi in località Scarniago nel comune di Travo, è stato bonificato oggi, 11 giugno, dagli artificieri dell’Esercito provenienti dal Secondo Reggimento Genio Pontieri di Piacenza. L’ordigno, contenente circa 70 grammi di esplosivo ad alto potenziale (tritolo) di nazionalità Inglese e del peso complessivo di  circa 770 grammi, ha indotto la prefettura di Piacenza a richiedere con urgenza l’intervento di bonifica. Le operazioni, coordinate dal Comando Forze Operative Nord di Padova, hanno visto il nucleo di specialisti dell’Esercito provvedere alla rimozione e al successivo brillamento del residuato bellico in area idonea. Per gli artificieri del Secondo Genio Pontieri si è trattato dell’ennesimo delicato intervento di bonifica sul territorio, volto alla eliminazione di una minaccia che, nonostante il trascorrere degli anni, rimane sempre elevata.

Foto-Fonte: http://www.liberta.it/news/cronaca/2018/06/11/spunta-una-bomba-a-mano-della-seconda-guerra-mondiale-i-pontieri-la-fanno-brillare/#

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
travo-1