Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Spunta un altro ordigno bellico nelle campagne di Argenta

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Forlì–CesenaPiacenzaRavennaRiminiBolognaParmaReggio EmiliaModena

Ferrara–ArgentaAlfonsine-Longastrino

Giada Magnani

Argenta. Tornano gli artificieri. Tornano per far brillare un ordigno bellico rinvenuto di recente nelle campagne intorno ad Argenta. Il Gruppo Guastatori dell’8° reggimento della Folgore, di stanza a Legnago di Verona, si può ormai eufemisticamente dire che nell’Argentano (territorio duramente colpito dai bombardamenti aerei sul finire dell’ultimo conflitto mondiale, che gli son valsi la medaglia d’oro al valor civile e d’argento al valor militare) siano come a casa loro. Nel giro di un anno circa infatti (l’ultima volta porta la data del 6 novembre scorso) sono stati impegnanti in zona per tutta una serie di operazioni che hanno fatto esplodere diversi residuati, armamenti, granate e pezzi da mortaio. Ebbene in questo ennesimo caso sono attesi per il prossimo 10 gennaio. Sono attesi alle 10.30, nel solito posto: in una cava cioè di proprietà della Cooperativa Agricola Bellini, nei pressi di Longastrino, lungo la Strada Argine Circondariale Pioppa II°, in un fondo sito tra le vie Ripalunga e del Mezzano. Un sito messo a disposizione dall’azienda, su indicazione del Comune e della Prefettura, che sarà anche in questa occasione opportunamente messo in sicurezza per l’incolumità delle persone: transennato, evacuato, interdetto al traffico e presidiato da forze dell’ordine, mezzi di soccorso ed emergenza. Finito questo lavoro gli artificieri torneranno comunque ancora. Non è ancora stabilito quando, ma si tratterà di far brillare un proiettile sbucato da sottoterra nei paraggi di Anita.

Foto-Fonte: https://www.estense.com/?p=828281

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
redim