Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

SAT: “Attenzione ai reperti bellici sui ghiacciai”

Categories: Bonifica perché,Editoriali

L’estate volge al termine e i ghiacciai raggiungono la fase finale del processo di fusione o ablazione, a seguito dell’innalzamento delle temperature nei mesi estivi. Un processo che si manifesta in questo periodo con una riduzione estrema della copertura nevosa delle superfici glaciali, retrocessione delle fronti e abbassamento delle superfici. Un momento dell’anno in cui bisogna fare estrema attenzione al riemergere di reperti bellici e storici. La Commissione Glaciologica SAT ha nei giorni scorsi diramato un invito alla cautela.

Massima prudenza

“In questo periodo, come testimoniato i giorni scorsi in alcuni notiziari, è facile per chi frequenta ghiacciai ed aree periglaciali imbattersi in reperti di vario tipo che vengono alla luce dopo esser stati coperti da neve e ghiaccio per decine o centinaia di anni – scrive la Commissione –. Nelle settimane scorse si sono trovati una mummia di camoscio in Val Aurina dell’età stimata di circa 400 anni, delle ossa umane avvolte in una bandiera in Presena. Anche la famosa mummia del Similaun (Ötzi) è stata ritrovata sull’omonimo ghiacciaio il 19 settembre 1991. Sui ghiacciai teatro di combattimenti soprattutto della prima guerra mondiale, è inoltre frequente il ritrovamento di materiale bellico spesso inesploso. Come comportarsi nel caso in cui ci si imbatta in simili reperti? La prudenza, ma anche la normativa di riferimento raccomanda di non toccare, non prelevare e di avvisare le autorità competenti. I motivi sono molteplici: toccare reperti di tipo archeologico ne può compromettere lo stato ed incidere sulla sua conservazione; sono patrimonio dello stato e non vanno asportati. Toccare, coprire o asportare reperti bellici può essere una pratica tanto innocua tanto pericolosa per il residuo rischio che questi esplodano.

Raccomandiamo quindi la massima prudenza!”

Foto-Fonte: https://www.montagna.tv/167099/commissione-glaciologica-sat-attenzione-ai-reperti-bellici-sui-ghiacciai/

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
119138335_351875156172687_1880586551478355937_o-e1600078020343