Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Sant’Eufemia: dalla soffitta spunta una valigia piena di proiettili e bombe

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe alpine

MilanoMonza-BrianzaSondrioLodiPaviaVareseComoBergamoCremonaMantovaBergamoLecco

BresciaSant’Eufemia

Grande sorpresa, e qualche preoccupazione, durante i lavori di restauro di un immobile rustico di Sant’Eufemia, a Brescia. Giovedì scorso, infatti, durante i lavori di sistemazione della soffitta, da un’intercapedine è spuntata una valigia colma di residuati bellici risalenti a un periodo compreso tra gli anni Trenta e la Seconda Guerra Mondiale. All’interno, infatti, c’erano quattro bombe a mano Red Devil (ben conservate e ancora funzionanti), 128 proiettili, un paio di caricatori vuoti di Mp40 e un fodero di pistola. Per la rimozione e la messa in sicurezza sono intervenuti gli artificieri dell’esercito, (10° Reggimento Genio guastatori di CremonaComando Forze Operative Nord di Padova ) che hanno fatto brillare il contenuto in una cava di Rezzato. Sull’origine delle armi indaga la Polizia.

Foto-Fonte: https://www.bsnews.it/2020/11/12/santeufemia-da-soffitta-spunta-una-valigia-piena-di-proiettili-e-bombe/?refresh_ce

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
polizia