Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

San Casciano, 75 anni dopo disinnescati tre ordigni bellici

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

LuccaMassa CarraraPratoPistoiaLivornoGrossetoArezzoSienaPisa

FirenzeSan Casciano

Antonio Taddei

Sono stati ben tre gli ordigni rinvenuti: uno a Cetinella e due alla Romola. Una volta segnalata la loro presenza e messi in sicurezza dagli uomini dell’Arma dei Carabinieri, in questo caso della Stazione di San Casciano, a intervenire sono stati gli uomini dell’Esercito del nucleo CMD (Conventional Munition Disposal- Bonifica di munizionamento Convenzionale) del Reggimento Genio Ferrovieri (Castel Maggiore)dell’Esercito Italiano, affiancati da assistenti sanitari con un equipaggio Militare CRI (conduttore, soccorritore e medico del Centro di Mobilitazione Tosco Emiliano del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, per le esigenze di assistenza sanitaria alle attività di bonifica degli ordigni bellici inesplosi).

Foto-Fonte: http://www.gazzettinodelchianti.it/stampa-articolo.php?id_articolo=25265

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
bombarinvenutaalaromola27.7.2019_-20190727-111759