Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

RIMINI: Sopravvissuto ai bombardamenti di Gemmano, “Vivo per miracolo

Categories: Bonifica perché,Editoriali

Forlì-CesenaPiacenzaBolognaRavennaModenaFerraraReggio EmiliaParma

Rimini

di Mirco Paganelli

Il comune di Gemmano, nel Riminese, è stato uno dei più duramente colpiti lungo la Linea gotica durante il secondo conflitto mondiale. Ci siamo fatti raccontare i giorni dei bombardamenti da un residente che all’epoca era solo un bambino. Ma Gemmano, sulle colline riminesi, era stata occupata dai tedeschi e così, tra il 4 e l’11 settembre 1944, si scatenò una cruenta battaglia che sbriciolò il paese, ribattezzato la Cassino dell’Adriatico. Ricordi ancora vividi nella memoria di questo residente, rimasto oramai l’unico a raccontarli. Edo Mancini all’epoca aveva otto anni. I militari dissero agli abitanti di andarsene. Ogni giorno si cambiava rifugio a seconda di dove arrivavano gli attacchi. Un domenica doveva andare a giocare con dei giovani, ma suo cugino non glielo aveva permesso, perché pericoloso per via dei residuati bellici. Quel giorno quei giovani morirono tutti per l’esplosione di un ordigno.

Foto-Fonte: https://www.teleromagna24.it/attualit%C3%A0/rimini-sopravvissuto-ai-bombardamenti-di-gemmano-vivo-per-miracolo-video/2020/6

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
edo mancini_950x551