Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Quel lacrimogeno del ’68 riaffiorato in via Corsica

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di NapoliComando Truppe alpine

LeccoMantovaMilanoMonza-BrianzaSondrioLodiPaviaVareseComoBergamoCremonaBergamo

Brescia

Ai piedi di un albero. In un’area verde a ridosso di via Corsica. È riemerso così quel vecchio lacrimogeno risalente nientemeno che al 1968, come si evince dalla malconcia etichetta che tuttavia ancora resiste sull’involucro, segnato dagli anni ma ancora complessivamente in arnese. Scoperto per caso, è stato oggetto di un intervento degli artificieri del 10° Reggimento Guastatori dell’Esercito, (Comando Forze Operative Nord di Padova), che nel primo pomeriggio lo hanno recuperato su disposizione della Prefettura. Gli specialisti in divisa hanno confermato rapidamente che si trattava per l’appunto di un lacrimogeno, escludendo così che potesse trattarsi di un ordigno (magari artificiale). In ogni caso, visto il contenuto gassoso e il tempo trascorso dalla sua fabbricazione, era ragionevole qualche preoccupazione. Come sia finito in via Corsica resta mistero. Ma vista la data di fabbricazione e il fatto che quello fosse un modello di lacrimogeno in uso alle forze dell’ordine (recita l’etichetta: «Artifizio Unificato Mod. 60 a caricamento lacrimogeno») non si può escludere che costituisca un estremo retaggio di una stagione di tensioni sociali che pervase l’Italia tutta, Brescia inclusa. Un interrogativo destinato a restare tale. Tanto più che l’oggetto rinvenuto sarà presto distrutto: sarà infatti conferito al 3° Cerimant di Milano (Centro Rifornimenti e Mantenimento dell’Esercito) al quale vengono di consueto affidati armi e materiali annessi già corpi di reato o comunque recuperati come in questo caso in vista del loro definitivo smaltimento.

Foto-Fonte: https://www.giornaledibrescia.it/brescia-e-hinterland/quel-lacrimogeno-del-68-riaffiorato-in-via-corsica-1.3533457

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image