Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Ordigno bellico nel golfo di Bacoli messa in sicurezza a Capo Miseno

Categories: Bonifica perché

di Patrizia Capuano

BACOLI – Un ordigno bellico è stato rinvenuto nelle acque flegree: la guardia di finanza di Napoli ha ritrovato sui fondali del golfo di Pozzuoli, prospicienti Capo Miseno, una bomba risalente alla seconda guerra mondiale. In attesa delle operazioni di bonifica, da effettuare con il nucleo Sdai (Servizio difesa antimezzi insidiosi) della Marina Militare di Taranto, l’ordigno è stato messo in sicurezza. Con tritolo e dalla rilevante carica esplosiva, seminascosta tra la sabbia, la bomba costituiva un grosso pericolo per la navigazione leggera e per i bagnanti.
L’operazione, eseguita a tutela della sicurezza, è stata condotta dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli: con un veicolo subacqueo filoguidato (Rov – Remotely Operated Vehicle), personale tecnico del Centro di Competenza Regionale Benecon, sommozzatori del II Reparto Tecnico di Supporto di Nisida l’ordigno è stato individuato ad una profondità di circa 24 metri. Grazie ai rilievi acustici dei fondali ed alle riprese è stato possibile rinvenire il residuato bellico. Immediatamente è stata informata la capitaneria di porto di Pozzuoli che ha disposto l’interdizione alla navigazione.
«La guardia di finanza da alcuni anni ha sottoscritto un Protocollo d’intesa finalizzato al controllo ed al monitoraggio del territorio con il consorzio Benecon, uno dei Centri di Competenza promossi dalla Regione Campania – riporta una nota – che presenta una dote di 250 ricercatori appartenenti a quattro atenei campani e un forte patrimonio di tecnologie ed attrezzature scientifiche. Finora il protocollo di collaborazione tecnico-scientifica si era concretizzato solo per la parte aerea ma, negli ultimi mesi, grazie all’incisivo ruolo del Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, è iniziata la sperimentazione dell’imbarco di sensoristica anche sul naviglio del corpo». Fonte: http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/ordigno_bellico_golfo_bacoli_capo_miseno-1844927.html

Foto: ilmattino.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
1844927_20160708_ordigno_bellico_capo_miseno_-.jpg.pagespeed.ce.uQYRSNTT9D