Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

La storia non esiste se non è raccontata

Categories: Editoriali

La storia non esiste se non è raccontata”, si intitola così l’evento che si svolgerà il 23 maggio dalle 9:30 nell’Auditorium dell’ITET “E.Montale”, a Rutigliano. L’appuntamento rientra nella sezione Diritto Umanitario Internazionale del progetto UNESCO “Looking for man – cerco l’uomo”, a cui l’IISS Alpi-Montale ha aderito. Organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, all’incontro interverranno Sebastiano Nino Fezza, ex cinereporter della RAI, Giovanni Lafirenze, responsabile del Dipartimento Ordigni Bellici Inesplosi dell’ANVCG, e Letizia Carrera, sociologa e docente del Dipartimento Studi Umanistici all’Università di Bari. Il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, in Somalia, la giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e l’operatore Miran Hrovatin morirono sotto i colpi di mitra, sparati contro di loro da un gruppo di cittadini somali col chiaro intento di uccidere. A 24 anni di distanza dal duplice omicidio, tra le poche certezze c’è che un innocente, Omar Hashi Hassan, ha trascorso 17 anni in carcere. Il resto è un mistero, inclusi i nomi dei veri assassini, forse mai veramente cercati. Ilaria Alpi stava seguendo le tracce di un traffico di rifiuti tossici o radioattivi e di armi tra l’Italia e la Somalia. Per volontà dell’allora Presidente della Camera Laura Boldrini, il vincolo del Segreto di Stato è stato rimosso a migliaia di documenti solo di recente. Quello di Ilaria Alpi è un nome che tra i corridoi nelle sedi della televisione di Stato si pronuncia ancora oggi con rispetto e sofferenza. L’ex cinereporter della Rai Nino Fezza la incontrava sul campo, nei territori di guerra, da dove entrambi a modo loro testimoniavano storie che altrimenti non sarebbero mai finite nei libri. Partendo dalla misteriosa uccisione della giornalista, gli studenti potranno “vedere” le atrocità della guerra con gli occhi di chi le ha vissute e le porta ancora nel cuore, raccontandole in giro affinché resti viva la loro memoria. I ragazzi capiranno quali sono le pesanti eredità dei conflitti da chi, come il bonificatore Giovanni Lafirenze, ha dedicato la vita a rendere inoffensivi i residuati bellici inesplosi che a 70 anni dalla Seconda Guerra Mondiale portano avanti il proprio compito di morte e distruzione. Con Letizia Carrera gli allievi scopriranno quali sono le inevitabili conseguenze e trasformazioni sociali quando i popoli, o le nazioni, si fronteggiano con le armi e soprattutto quanto grande sia loro possibilità e responsabilità nel far sì che certe storie non si ripetano mai più.

Fonte: http://www.baritoday.it/eventi/la-storia-non-esiste-se-non-e-raccontata-associazione-nazionale-vittime-civili-e-unesco-23-maggio-2018.html

Foto: Biografia di Una Bomba

DSCN5139 DSCN5142 DSCN5145 DSCN5146

DSCN5148 DSCN5151 DSCN5155 DSCN5157

DSCN5158 DSCN5159 DSCN5162 DSCN5165

DSCN5168 DSCN5169 DSCN5173 DSCN5174

DSCN5176 DSCN5179 DSCN5180 DSCN5181

DSCN5183 DSCN5186 DSCN5188 DSCN5195

DSCN5198 DSCN5201 DSCN5202 DSCN5203

DSCN5204 DSCN5205 DSCN5206 DSCN5207

DSCN5212 DSCN5214 DSCN5215

DSCN5219 DSCN5221 DSCN5222 DSCN5223

DSCN5224 DSCN5231 DSCN5232

DSCN5238 DSCN5239 DSCN5243 DSCN5245

DSCN5247 DSCN5249 DSCN5250 DSCN5251

DSCN5253 DSCN5257 DSCN5265 DSCN5267

DSCN5268 DSCN5269 DSCN5271 DSCN5272

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
DSCN5151