Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Il 2° reggimento genio guastatori alpini neutralizza una bomba d’aereo da 500 libbre nei pressi di Trento

Categories: Bonifica perché,Editoriali

Esercito Italiano

Bolzano

Trento–Romagnano

Comunicato Stampa

Trento, 02 febbraio. L’Esercito Italiano in cooperazione con le Istituzioni Locali ha terminato con successo il disinnesco della bomba d’aereo a Romagnano (TN), un ordigno inglese da 500 libbre risalente al secondo conflitto mondiale e rinvenuto nella costa boscosa sovrastante l’abitato. Si è trattato del terzo manufatto esplosivo similare ritrovato negli ultimi anni nel trentino. Una immediata ricognizione e messa in sicurezza del sito di ritrovamento, da parte degli artificieri appartenenti al 2° Reggimento Genio Guastatori Alpini di Trento insieme alle Forze dell’Ordine Locali, aveva permesso di attivare immediatamente i primi provvedimenti di contingenza per la salvaguardia della cittadinanza e dunque proseguire ad una accurato coordinamento e pianificazione dell’Operazione “Romagnano” da parte del Commissariato del Governo, del Comune di Trento e del Comando Truppe Alpine, per giungere dunque alla data dell’intervento individuata nella domenica 2 febbraio. Il Commissariato del Governo ha quindi adottato una serie di misure di sicurezza, necessarie a garantire l’incolumità della popolazione locale ed il preciso svolgimento delle operazioni di evacuazione dagli abitati interessati. Circa 1800 i cittadini evacuati per le 08:30, ma che in breve tempo sono riusciti a rientrare alle loro case, grazie alla celere azione congiunta degli stessi guastatori della Brigata Alpina JULIA, alla cornice di sicurezza garantita dalle Forze dell’Ordine, agli assetti antincedio dei Vigili del Fuoco ed agli assetti medici della Corpo Volontario Militare della Croce Rossa.  Alle ore 09:00, infatti, sono iniziate le fasi di despolettamento della bomba, delicata estrazione degli organi innescanti, per terminare alle 10:10. Un’operazione che ha visto gli artificieri e tutti gli specialisti del 2° Reggimento Genio Guastatori Alpini esprimersi al meglio alla neutralizzazione del grosso manufatto in ambiente montano difficoltoso nell’approccio tecnico: gli operatori attrezzature speciali che hanno apprestato i siti di attività, gli esperti responsabili del movimento in montagna, i fabbri del Genio che hanno approntato una slitta apposita dedicata alla calata del corpo bomba, privo di inneschi, lungo il pendio scosceso e quindi procede a trasporto e distruzione definitiva dell’ordigno presso la Cava “CHIZZOLA” in Comune di Ala (TN), sito idoneo messo a disposizione dalle Autorità Locali.

FOTO allegate

Il corpo della bomba in slitta

il corpo bomba sulla slitta

Trasporto in slitta del corpo della bomba

trasporto in slitta del corpo bomba 2a foto trasporto in slitta del corpo bomba 3a foto trasporto in slitta del corpo bomba

Posizionamento corpo della bomba su cassa

posizionamento corpo bomba su cassa

posizionamento cassa corpo della bomba sul fornello per brillamento

posizionamento cassa corpo bomba sul fornello per brillamento

Copertura fornello per il brillamento della bomba

copertura del fornello per brillamento copertura fornello per brillamentio 2a foto

Brillamento corpo della bomba

brillamento del corpo bomba

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
posizionamento corpo bomba su cassa