Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

I genieri del Reggimento Genio Ferrovieri impegnati in una bonifica a Castel Maggiore

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

Comando Forze Operative Nord di PadovaComando Forze Operative Sud di Napoli

PiacenzaBolognaParmaModenaRiminiForlì-CesenaReggio EmiliaRavennaFerrara

Forlì-Cesena

Si è conclusa la settimana scorsa a Castel Maggiore un’attività di bonifica del territorio da residuati bellici esplosivi a cura del Reggimento Genio Ferrovieri di Castelmaggiore, (Comando Forze Operative Nord di Padova). Alcuni operai dell’azienda Romagna Acque impegnati in una serie di escavazioni, nel comune di Forlì, hanno rinvenuto due casse metalliche impermeabilizzate contenenti ordigni esplosivi del secondo conflitto mondiale. L’intervento dei genieri dell’Esercito ha permesso il recupero e la neutralizzazione di 263 bombe da mortaio di fabbricazione inglese, 189 bombe da mortaio di fabbricazione tedesche, 51 bombe da mortaio di fabbricazione italiana, 73 bombe a mano, 74 granate anticarro adesive di fabbricazione inglese, 6 bombe a mano “a bastone” tedesche, 1 colpo completo da 57mm APCHE M86, 1 mina inglese. Gli ordigni sono stati in parte distrutti e in parte messi in sicurezza in una cava opportunamente condizionata al fine di tutelare la pubblica incolumità. L’impiego dei genieri dell’Esercito in concorso alla prefettura di Forlì-Cesena è stato disposto dal Comando Forze Operative Nord di Padova deputato alla gestione dei concorsi militari in tempo di pace nell’area centro-settentrionale della penisola. L’esperienza degli specialisti dell’Esercito di Castel Maggiore è ben testimoniata dagli oltre 220 interventi svolti nel corso di quest’anno, nella propria area di competenza (Regione Marche, e Umbria e nelle province di Bologna, Forlì Cesena, Rimini e Firenze).

Foto-Fonte: http://www.esercito.difesa.it/comunicazione/Pagine/L%E2%80%99Esercito-bonifica-residuati-bellici-nel-forlivese-200929.aspx

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
1 Residuati bellici rinvenuti