Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Gli artificieri del 32esimo di Fossano bonificano 30 chili di dinamite trovati nell’ex cotonificio di Garessio

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

TorinoNovaraBiellaAlessandriaVerbano-Cusio-OssolaVercelliAsti

Cuneo

Un team di artificieri del 32esimo Reggimento Genio Guastatori (Comando Forze Operative Nord di Padova) è intervenuto in località Trappa di Garessio per bonificare trenta chilogrammi di dinamite e cento detonatori, ritrovati nel corso dei lavori per la realizzazione del “Drive in della Valle Tanaro”. Prontamente interessati dalla Prefettura, e adottando tutte le necessarie cautele e la massima attenzione anche ai protocolli di sicurezza governativi legati al Covid-19, gli specialisti del 32esimo Reggimento Genio Guastatori della Brigata Alpina “Taurinense” di stanza a Fossano sono immediatamente intervenuti per neutralizzare l’esplosivo, estremamente pericoloso e in grado di danneggiare pesantemente le strutture circostanti. L’intervento si è presentato molto impegnativo in quanto, nel corso degli anni, la nitroglicerina contenuta nei candelotti di dinamite è trasudata, rendendo impossibile la movimentazione per lunghi tragitti e il raggiungimento di una cava per la distruzione. La realizzazione di adeguate opere di contenimento, necessarie per non danneggiare le strutture circostanti in caso di esplosione accidentale, ha consentito quindi di spostare singolarmente i 150 candelotti in un’area sicura esterna alla struttura, consentendone quindi la neutralizzazione in sicurezza. I cento detonatori, relativamente più “stabili”, sono stati invece trasportati in una cava a Bagnasco dove sono stati distrutti. Il tempestivo intervento degli artificieri alpini, in stretta sinergia con la Prefettura di Cuneo, le Forze dell’Ordine e il personale sanitario della Croce Rossa Militare, ha consentito di coordinare al meglio l’attività, riducendo i tempi necessari alla messa in sicurezza e consentendo la neutralizzazione dell’esplosivo. Dall’inizio dell’anno, sono più di 45 gli interventi che i genieri di Fossano hanno condotto sul territorio del Nord-Ovest. Anche nel corso dell’emergenza coronavirus, gli artificieri proseguono le loro attività di bonifica di ordigni esplosivi per la sicurezza della popolazione, con particolare attenzione alla tutela dei contesti urbani. È un’opera essenziale che, compatibilmente con le attuali misure restrittive, li vede spesso impegnati anche nello svolgimento di lezioni informative a favore di studenti e lavoratori nei cantieri edili, al fine di evidenziare loro le importanti attività precauzionali da porre in essere in caso di rinvenimento di ordigni e manufatti bellici.

Foto-Fonte: https://www.lavocedialba.it/2020/05/22/leggi-notizia/argomenti/cronaca-17/articolo/gli-artificieri-del-32esimo-di-fossano-bonificano-30-chili-di-dinamite-trovati-nellex-cotonificio.html

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

Foto: targatocn.it

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Bonifica_esplosivo_Garessio_22.5.20_01