Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Ginostra-Stromboli, continua il recupero di materiale bellico

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

SiracusaAgrigentoRagusaEnnaCaltanissettaTrapaniPalermoCatania

MessinaLipari-Stromboli

Dopo Stromboli anche nei fondali di Ginostra è stato rinvenuto materiale bellico. Sono intervenuti i subacquei della Marina Militare in servizio ad (SDAI) Augusta che hanno recuperato ad una quindicina di metri di profondità ordigni e munizioni. La segnalazione era stata fatta dai carabinieri subacquei di Messina e l’operazione è stata disposta dalla prefettura. Il materiale bellico recuperato era trasportato da una nave Liberty, di costruzione americana e battente bandiera francese, diretta in Vietnam, naufragata negli anni ‘50 sul fondale già parzialmente bonificato anni fa. Gli enti competenti sono stati informati allo scopo di intervenire per la successiva bonifica. I primi giorni di agosto analogo materiale bellico era stato recuperato dai sub dei carabinieri ad una decina di metri di profondità nel mare di Stromboli. Il Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina è stato impiegato nell’arcipelago eoliano, con l’obiettivo di garantire la sicurezza in mare e sull’area costiera, nonché realizzare un focus sulla tutela dell’ambiente, in concorso con le locali Stazioni Carabinieri e con il supporto della Motovedetta CC N802 “Frau” dislocata in Lipari. Proprio all’esito di un servizio coordinato svolto dai militari del Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina, dagli equipaggi delle Motovedette CC 810 “Ganci” e CC N802 “Frau”, nonché da personale della Stazione Carabinieri di Stromboli, sono state rinvenute numerose cartucce, anche di grosse dimensioni, in cattivo stato di conservazione e, in parte, ricoperte dalla vegetazione, su un fondale nello specchio acqueo dell’isola di Stromboli, a circa 10 metri di profondità. I primi accertamenti svolti dai Carabinieri della locale Stazione hanno permesso di appurare che il materiale bellico era trasportato da una nave Liberty, di costruzione americana e battente bandiera francese, diretta in Vietnam, naufragata negli anni ‘50 sul fondale già parzialmente bonificato anni fa. Gli enti competenti sono stati informati allo scopo di intervenire per la successiva bonifica. STROMBOLI – Materiale bellico recuperato nei fondali di Stromboli dal Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina. A seguito di verifiche con immersioni dei sub sono state rinvenute numerose cartucce, anche di grosse dimensioni, in cattivo stato di conservazione e, in parte, ricoperte dalla vegetazione, su un fondale nello specchio acqueo dell’isola di Stromboli, a circa 10 metri di profondità. I primi accertamenti svolti dai carabinieri hanno permesso di appurare che il materiale bellico era trasportato da una nave Liberty, di costruzione americana e battente bandiera francese, diretta in Vietnam, naufragata negli anni ‘50 sul fondale già parzialmente bonificato anni fa. Gli enti competenti sono stati informati allo scopo di intervenire per la successiva bonifica. (ANSA)

Foto-Fonte: https://www.notiziarioeolie.it/cronaca/21415-ginostra-stromboli-continua-il-recupero-di-materiale-bellico.html

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Autorità Portuali

Valle d’AostaPiemonteLiguria, LombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzo,

MoliseCampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

Egregi Editori, il portale biografia di una bomba è orientato ad evidenziare i pericoli causati da residuati bellici, ma l’aspetto più importate consiste nel non avere fini di lucro ma solo quello di diffondere la consapevolezza del rischio dei residuati bellici. Chiediamo scusa se preleviamo le foto dei vostri articoli, ma ci servono per contestualizzare le modalità del rinvenimento. Citeremo sempre fonte e autore della foto. Sicuri di una vostra comprensione vi ringraziamo in anticipo.

La guerra è un debito senza fine sia per i vinti, quanto per i vincitori

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Servizio_CC_Subacquei_Isole_Eolie_1