Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Gdf e Marina rimuovono bomba guerra mondiale da fondali Tarquinia

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

FrosinoneRomaLatinaRieti

ViterboTarquiniaLe Saline

Roma, 15 dic. (askanews) – L’11 dicembre i militari della Guardia di Finanza e della Marina Militare hanno rimosso e fatto brillare una bomba di aereo della Seconda Guerra Mondiale, trovata in mare nelle acque antistanti la località “Le Saline”, nel Comune di Tarquinia (VT). L’ordigno bellico era mimetizzato tra la posidonia e le rocce dei fondali.I finanzieri, grazie all’ausilio di speciali metal detector, hanno rintracciato un manufatto metallico cilindrico dalle dimensioni di 70 cm. Circa di lunghezza ed un diametro di 30 cm., visivamente ricoperto di concrezioni marine. La particolarità del ritrovamento ha fatto immediatamente ipotizzare che si trattasse di una bomba di aereo da 250 libbre circa, evidentemente dormiente da decenni nella zona di mare denominata “le saline”. Immediatamente è stata allertata la prefettura di Viterbo che ha disposto l’intervento d’urgenza dei Palombari del Nucleo Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi (SDAI) di La Spezia del Comando Subacquei ed Incursori della Marina militare (COMSUBIN), per mettere in sicurezza e permettere la libera fruibilità dello specchio acqueo interessato. L’ordigno, localizzato ad una profondità di circa 10 metri in un punto costiero interessato da attività di pesca, è risultato essere una bomba d’aereo americana tipo “mkii miii”, contenente 161kg di TNT, risalente ai massicci bombardamenti condotti dalle forze alleate durante la seconda guerra mondiale. Gli operatori dello SDAI, con l’ausilio dei palloni di sollevamento, hanno imbracato e rimosso dal fondale l’ordigno che, successivamente, è stato trasportato in una zona di sicurezza, individuata unitamente alla competente autorità marittima. Tutte le fasi di recupero e trasporto dell’ordigno sono state seguite ed assistite dai mezzi navali della stazione navale della Guardia di Finanza, che hanno garantito la necessaria cornice di sicurezza alle operazioni.

Fonte: http://www.askanews.it/cronaca/2020/12/15/gdf-e-marina-rimuovono-bomba-guerra-mondiale-da-fondali-tarquinia-pn_20201215_00065/

Foto: trcgiornale.it

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Autorità Portuali

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
gdf-marina-bomba