Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Fatti brillare 2 residuati della Prima guerra mondiale trovati dagli escursionisti

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

PordenoneTriesteGorizia

UdineCodroipo

Due residuati bellici risalenti al Primo conflitto mondiale, una bombarda Kolben ad alto esplosivo di fabbricazione austriaca e una bomba a mano modello «Sipe» di fabbricazione italiana, sono stati recuperati e fatti brillare stamani, 31 gennaio, dagli artificieri del 3ø Reggimento Genio Guastatori di Udine nel Medio Friuli. I militari, accompagnati dai Carabinieri della stazione locale, sono intervenuti dapprima a Muscletto di Codroipo dove nei giorni scorsi alcuni escursionisti avevano notato il primo ordigno durante una passeggiata. In seguito si sono spostati sul greto del fiume a Camino al Tagliamento dove alcuni sportivi avevano segnalato la presenza della bomba a mano. I due ordigni sono stati messi in sicurezza dal team Eod (Explosive Ordnance Disposal) e trasportati in un luogo idoneo lungo le rive del Tagliamento a Codroipo dove sono stati fatti brillare. Nel corso del 2019, il 3. Reggimento Genio Guastatori di Udine ha eseguito 309 interventi di bonifica ordinari del territorio del Friuli Venezia Giulia e delle province di Treviso e Belluno da residuati bellici. Il maggior numero di interventi si è concentrato in provincia di Treviso (164) dove l’11 agosto scorso è stato effettuato anche un intervento complesso di neutralizzazione di una bomba d’aereo a Vedelago. In Regione il maggior numero di interventi si è registrato in provincia di Udine (46).

Foto-Fonte: https://www.ilgazzettino.it/nordest/udine/residuati_bellici_prima_guerra_mondiale_fatti_brillare_genio_guastatori-5020297.html

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Carlo Felice Dalla Pasqua - esplosione ordigni bellici prima guerra mondiale Possagno Crespano