Un vagone della metro sventrato da un'esplosione nella stazione Maelbeek in una immagine ripresa da un autista e pubblicata sul profilo Twitter da Stib, la societ‡ di trasporti belga, 22 marzo 2016. 
 TWITTER +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO? ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L?AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

“Se il sole muore”

Si può parlare di guerra e bombe, quelle che definiscono “intelligenti” avendo un gap (margine d’errore) di 1,5m, anche meno, di mine convenzionali o fai da te. Si può discutere delle guerre terroristiche che costringono al buio mentale, azzerano dignità e anima in Siria o in Nigeria, di ciò che accade in Darfur  area Jebel…

DSCN4437

Conoscere per Ri-Conoscere a Roma

La campagna dell’A.N.V.C.G. Conoscere per Ri-conoscere non si ferma, dopo Molfetta, Bari e Messina approda a Roma. L’Istituto da visitare è il Liceo Classico Tito Lucrezio Caro in via Venezuela. L’incontro con gli studenti è previsto per le ore 9.15, noi giungiamo verso le 8:30 per allestire l’aula magna e preparare i collegamenti video. Detto…

karen_afghan_inside

Konta, i fiori di Anita

A Konta in India esplode altro Ied, è una bomba preparata con 10 Kg di sostanze detonanti posizionata in località Murliguda. Una bambina di 8 anni,  Anita Muchaki, abbandona la scuola a Konta per andare a trovare la madre, perché malata da più giorni. Sembrerebbe un racconto tratto dal libro cuore, ma così non è….

MVI_1166.MOV_snapshot_00.19_2016.03.18_19.31.34-300x169

Qalat, esplode mina due morti un ferito

19/03/2016 Afghanistan, Zabol, Qalat Fonte della notizia è il quotidiano web di Kabul il Khaama Press. A raccontare al cronista  dell’esplosione di un ordigno è il colonnello Ghulam Jailani Farahi vice Comandante della polizia della Provincia. Due persone uccise ed un ferito a causa dell’esplosione di una mina, un “manufatto bellico” di circostanza, identificato come…

ANVCG_SAVE_THE_DATE_04APRILE2016

Campagna “Conoscere per ri-conoscere”

Campagna nazionale ordigni bellici inesplosi: l’incontro all’Istituto Giulio Cesare di Bari promosso dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra in collaborazione con il MIUR. L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra continua la sua campagna nazionale nelle scuole dal titolo “Conoscere per riconoscere”, iniziativa in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca incentrata sul pericolo…

Palesinesi-bambini-uccisi

Passato, presente e futuro

Tutto il mondo si dispera per la morte dei fratellini di Gaza a causa dell’esplosione di una bomba figlia di un conflitto in corso. Le piccole vittime: Israa Abu Khusaa, 6 anni e Yassin il fratello, 10 anni. È la guerra che ogni giorno “stupidamente” l’uomo impone a se stesso. Guerre ingiustificabili che creano le…

56e0803b3dfdb

Tawila, esplode ordigno bellico due le vittime

11/03/2016  Sudan, Darfur, Tawila La notizia come sempre giunge per mezzo del portale web: dabangasudan.org, unica fonte per ricevere aggiornamenti rivolti alla guerra che sopporta la popolazione dei luoghi come per esempio le vittime delle località “Jebel Marra”. La vicenda odierna aggiorna che in zona  Tabit due ragazzi sono morti a causa dell’esplosione di un…

DSCN4314

Conoscere per Ri-Conoscere al Vito Fornari di Molfetta

Giungo a Molfetta intorno alle nove, incontro il Dott. Michele Spadavecchia, tra qualche ora inizia  la conferenza rivolta al pericolo ordigni inesplosi con i rappresentanti di classe del Liceo. Il bar non è distante e seduti ad un tavolino iniziamo a stabilire scaletta, interventi e tempi. Ovviamente si parla delle guerre in corso, di ciò…

DSCN831

37enne è investito da una bomba da lui stesso assemblata

Accade a Borore in provincia di Nuoro, i residuati bellici non risultano coinvolti in questa vicenda, ma la notizia pronostica angoscia. Un 37enne è dilaniato da una bomba che lui stesso assembla: un contenitore, esplosivo e chiodi. Si chiodi. Una bomba, povera, simile a quelle utilizzate dai guerriglieri fai da te, (…), per uccidere civili…

b87ff003f5007b48bba40c3fab15d6f4

Una domenica bestiale

Domenica 6 gennaio, due bambini siriani a distanza di 60 km, mentre compiono loro faccende, sono colpiti dall’esplosione di residuati bellici. Ma la guerra è finita, c’è l’armistizio ! Forse è vero, ma ordigni inesplosi continuano a compiere la diabolica missione per cui sono stati creati, venduti, acquistati. E non è importante per la vittima…

Lascia un commento