destruction-munition-engins-explosif-mine-obus-roquette-grenade-dessert-sable-nord-mali-gao-kidal-tombouctou-minusma-300x168

Il bimbo che voleva nascondere la bomba

17/02/2016 Mali, Gao, Bourem Un bambino di 8 anni trova un ordigno inesploso. È solo, in certe zone non è raro essere soli. Un bimbo, è il protagonista della vicenda accaduta da qualche giorno, ma apparsa come notizia solo oggi. Il bimbo raccoglie l’ordigno notato, lo stringe fra le mani, infine lo scaglia in direzione…

ANVCG-LOCANDINE-RICONOSCIMENTO-ORDIGNI

Conoscere, per Ri-Conoscere, dialogando con gli studenti di Artena, Valmontone e Labico

L’evento è organizzato dall’Associazione Vittime Civili di Guerra delle sezioni di Roma e Rieti. La location è scelta dall’amministrazione comunale ed è l’ex Granaio Borghese (XVIII). La sala conferenze è perfettamente allestita dai nostri manifesti rivolti alla Campagna ordigni inesplosi. La sala è presto riempita da studenti e associati delle sezioni citate. Il Dott. Felicetto…

DSCN3996

La campagna informativa “Conoscere per ri-conoscere” dialogando con gli studenti dell’Istituto scolastico Aldo Moro di Frosinone.

La sala è affollata, gli studenti occupano ogni spazio possibile, la professoressa Ombretta Ceccarelli, Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Frosinone apre l’evento rivolto al pericolo prodotto dai residuati bellici. La Ceccarelli rivolgendosi ai ragazzi spiega che la città e in particolar modo la Provincia sono zone a grande rischio da residuati bellici in…

img_rosso

Il geniere: “ETTORE ROSSO”

L’orizzonte filtra le dolci luci delle stelle. E’ quasi mezzanotte. Il geniere Ettore Rosso, con l’aiuto d’alcuni uomini ha appena terminato la posa di numerose mine in località Osteria del Fosso. In pratica un campo minato di “sbarramento”, ma le missioni non sono ancora compiute. Con propri mezzi devono giungere a Monterosi ed approntare un…

Triggiano, ordigni bellici inesplosi. Lafirenze: “Più chiarezza. La gente continua a farsi male”

Le guerre non finiscono mai. È il tema centrale dell’incontro di sabato 5 dicembre con le scolaresche del Liceo Cartesio di Triggiano sugli ordigni bellici inesplosi e i pericoli dei petardi nell’ambito della campagna nazionale “Conoscere per riconoscere”, promossa dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Ad illustrare…

DSCN3803

La Campagna Nazionale “Conoscere per Ri-conoscere” continua nelle scuole di Frosinone Il nostro interlocutore sul posto è l’insegnante Maria Grazia Carlomusto che giustamente propone ai plessi scolastici i nostri interventi rivolti al tema pericolo da residuato bellico, visto che la zona è da questo punto di vista a “codice rosso”. I dirigenti scolastici accolgono con…

UpkPfA5XLjjeW+zqJ+kZRDty2bFf4YKUVfQcFAmSTF4=--

Con Striscia la Notizia e la bomba non bomba di Forlì

Il 27 settembre 2014 è Max Laudadio ad intervenire per conto di Striscia la Notizia sul caso ordigni inesplosi presenti nel Parco del Ticino. Oggi la notizia che la testata “satirica, ma non troppo”, interverrà a Forlì con il mago Casanova per evidenziare un caso simile a quello di Villapiana. I condomini di via Torino…

DSCN3732

Una serata a Nervesa della Battaglia

Giungo a Nervesa della Battaglia verso le 18, fra un po’ dovrei incontrare gli organizzatori dell’evento. Oggi 12 novembre 2015 presentiamo  un lavoro editoriale rivolto alle bombe a mano e da fucile tedesche scritto da Nicola Cristofoli, Bruno Marcuzzo ed Alessandro Scarabel. Il testo è stampato da Gaspari Editore. Sistemo l’auto nel parcheggio situato poco…

ordigni-inesplosi-2-822x512

Giulianova, gli ordigni inesplosi il tema di un convegno al Kursaal

di Lino Nazionale Conoscere per riconoscere, per evitare di ferirsi o persino di essere uccisi. I residuati bellici sono stati al centro del dibattito organizzato questa mattina al palazzo Kursaal di Giulianova dallo storico Walter De Berardinis e dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra – Dipartimento Ordigni Bellici Inesplosi e che ha visto la partecipazione…

2015_9$largeimg204_Sep_2015_234746533

Follia per follia

Hanvec (Francia) un giardiniere falcia con un tagliaerba una granata risalente alla seconda guerra mondiale. Avrebbe dovuto allertare la gendarmeria, viceversa raccoglie la granata la carica in macchina e la porta direttamente alla caserma di polizia. Ovviamente questo signore oltre a mettere a repentaglio la propria incolumità ha coinvolto nel rischio ogni persona da lui…

Lascia un commento