Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Conferenza De-Activate; collegamento con l’Istituto Tecnico Agrario “Italo Calvino” di Noverasco di Opera (MI)

Categories: Editoriali

Oggi 23 febbraio su piattaforma web, si è svolta una video conferenza De-Activate (pericolo ordigni bellici inesplosi). La campagna di sensibilizzazione odierna è stata organizzata da Anabbella Bellini appartenente alla sede ANVCG di Miliano e dalla professoressa Maria Antonietta Polestra dell’Istituto Tecnico Agrario “Italo Calvino” di Noverasco di Opera (MI). Protagonisti dell’evento sono stati gli studenti della Classe 4A.  Dopo l’introduzione della professoressa, abbiamo esteso a tutti i collegati i saluti del Presidente Giuseppe Castronovo e dell’ANVCG. Quindi Anabbella Bellini, rivolgendosi ai ragazzi ha spiegato tutte le attività sociali svolte dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e tra queste ha menzionato l’Osservatorio ANVCG che è preposto a monitorare l’attuale situazione dei civili nei vari conflitti mondiali, le finalità della Scuola Giuseppe Arcaroli e dell’impegno dei numerosi promotori di pace ANVCG. Infine Anabbella Bellini, per mezzo di foto e slide ha spiegato le ragioni per cui i residuati bellici con il passare del tempo continuano a rendersi sempre più pericolosi. Quindi chi scrive sempre usufruendo di foto ha spiegato nei dettagli l’argomento residuati-pericoli-emergenze e la fattiva collaborazione tra ANVCG-Stato Maggiore Esercito, Ministero del Lavoro e MIUR. La video conferenza iniziata alle 10;30 si è conclusa alle 12;30 e grazie alla regia tecnica di Sara D’Amore e Claudia Capone non ci sono stati impedimenti o imprevisti di rete.

Giovanni Lafirenze

1 2 3 4 5 6

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
5