Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Completata la bonifica di residuati bellici

Categories: Bonifica perché

Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia Sardegna

Esercito Italiano

TrevisoVeneziaBellunoVeronaRovigoPadova

Vicenza-Valbrenta-Val Frenzela

Si sono concluse positivamente, ieri, le complesse operazioni, iniziate lo scorso lunedì 17 febbraio, di bonifica di alcuni ordigni residuati bellici a caricamento speciale chimico, rinvenuti nei mesi scorsi nei territori comunali di Asiago, Cogollo del Cengio, Pove del Grappa, Thiene e Valbrenta. Gli ordigni sono stati neutralizzati nei territori comunali di Valbrenta, nella zona di Val Frenzela e presso l’area di cava Col Dei Remi 2, e di Valdastico, in località Val delle Pozze, presso l’area di cava Marogna. Le operazioni, coordinate dalla Prefettura, con la collaborazione dell’Ufficio cave della Provincia di Vicenza e delle amministrazioni comunali interessate, sono state svolte dal personale militare specializzato del Centro tecnico logistico interforze Nbc di Civitavecchia, unico reparto dell’Esercito Italiano competente, a livello nazionale, per la bonifica di simili residuati bellici. Hanno partecipato anche il Comando Forze Operative Nord – Sm Ufficio Cocim di Padova e l’ottavo  (8°) Reggimento Guastatori Paracadutisti Folgore, di Legnago. Per ragioni di sicurezza e tutela della pubblica incolumità, nei luoghi individuati per le attività di disinnesco e per l’intera durata delle stesse, è stata disposto, con ordinanza del Prefetto, lo sgombero da persone e l’interdizione di vie d’accesso, strade e sentieri in un’area del raggio di 500 metri dal punto di brillamento. Carabinieri e polizia locale hanno assicurato i servizi di scorta dei mezzi militari durante le operazioni di trasporto degli ordigni fino al sito di brillamento ed il controllo e la vigilanza delle aree interessate dalle attività di bonifica. Sono stati, inoltre, interessati la Direzione Aeroportuale Nord-Est di Venezia e l’Enav Acc di Padova, per l’emissione del divieto di sorvolo nello spazio aereo sovrastante le aree nelle quali si sono svolti gli interventi di disinnesco.

Fonte: https://www.vicenzareport.it/2020/02/completata-la-bonifica-di-residuati-bellici/

Foto: Archivio

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
immagini.quotidiano