Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Cinque ordigni fatti brillare nel Veneto orientale in tre giorni

Categories: Bonifica perché

Sono ben cinque gli ordigni bellici a presunto caricamento speciale, tutti risalenti all’ultimo conflitto mondiale, trovati negli ultimi tempi tra Jesolo, Fossalta di Piave, Musile e San Donà. A occuparsene è stato il Centro Tecnico Logistico Interforze NBC di Civitavecchia, come disposto dalla prefettura di Venezia. Le attività di bonifica sono avvenute nelle giornate del 29, 30 e 31 maggio.

Bombe portate in campagna

Per l’occasione il viceprefetto vicario ha emesso un’ordinanza sulle attività da svolgere. Alle 8.30 di ciascuna giornata è iniziato il trasferimento dal luogo di ritrovamento al sito individuato per il disinnesco (un’area rurale tra via Peruch, via Armellina e via Caposile del comune di San Donà di Piave e via Francescata a Jesolo). Le operazioni di brillamento si sono svolte dalle 10.30 alle 13.30.

Aree interdette

Le operazioni sono state dirette dal 3° Reggimento Guastatori di Udine. Il Comune di San Donà ha interdetto gli accessi all’area di inertizzazione e fatto presidiare l’area limitrofa per evitare l’accesso a persone e autoveicoli. E’ stato acquisito il Notam per l’interdizione al volo in tutta l’area interessata dalle operazioni. Il Comune di Jesolo ha garantito la vigilanza sulla via Francescata e contribuito al presidio dell’area interdetta. Durante lo svolgimento delle operazioni di caricamento e trasporto degli ordigni, inoltre, è stato attivato un punto di assistenza sanitaria della Croce Rossa Militare con un’ambulanza con medico, infermiere e autista. Il tutto in contatto con il Suem 118.

Posto di comando in una ex scuola

Il Comando provinciale dei vigili del fuoco ha provveduto ad assicurare l’intervento di un Nucleo NBCR, e a mettere a disposizione un contenitore con 300 litri d’acqua e un’autobotte, per le attività di decontaminazione, trattandosi di ordigni a presunto brillamento speciale (con gas). L’intera attività è stata coordinata dalla prefettura, con l’attivazione di un posto di comando nella ex scuola Chiesanuova a San Donà.

Foto-Fonte: http://www.veneziatoday.it/cronaca/ordigni-brillamenti-jesolo-san-dona.html

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
jesolo panoramica spiaggia-2