Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Cessato il pericolo alla Trincea: rimosso l’ordigno bellico

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

TarantoFoggiaLecceBrindisi

BariGiovinazzo 

Il pericolo è cessato, l’ordigno bellico è stato messo in sicurezza. È cessato l’allarme del ritrovamento di un ordigno bellico a 20 metri dalla costa di Ponente, con una profondità pari a 5 metri, in località Trincea, sul lungomare Marina Italiana, nel tratto compreso tra due lidi molto frequentati. La bomba è stata notata ieri da un bagnante che ha provveduto a segnalare la presenza. A quel punto sono scattati i protocolli previsti dalla legge e l’intera area è stata messa in sicurezza dai militari della Capitaneria di Porto di Molfetta, che hanno emesso i divieti di navigazione, ancoraggio, sosta, ormeggio, balneazione e pesca ed ogni altra attività di superficie e subacquea nel raggio di 100 metri dall’area. La rimozione della bomba, del peso di 250 libbre, è cominciata oggi. Una complessa operazione cui hanno partecipato gli uomini della Marina Militare del Nucleo Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi di Taranto, i quali hanno messo in sicurezza l’ordigno bellico, risalente alla seconda guerra mondiale, coadiuvati a terra dal personale della Capitaneria di Porto di Molfetta, dell’Ufficio Locale Marittimo e della Polizia Locale. Dopo una meticolosa ed estenuante attività, i militari operanti hanno effettuato l’imbragatura dell’ordigno e la successiva rimozione, prima di trasportarlo lontano dalla costa giovinazzese ed in mare aperto, a distanza di sicurezza da qualsiasi installazione o rotta navale. Aldo Mortellaro, presidente dell’Assobalneari di Bari e Bat, ha voluto ringraziare «le forze armate per aver provveduto, in appena 24 ore, a rimuovere l’ordigno bellico». «Nell’interesse dell’intera comunità, dei lidi e dei bagnanti – prosegue – hanno optato, in tempi davvero celeri, per lo spostamento della bomba. È un bel modo di servire il Paese. La sinergia tra le Istituzioni scese in campo ha dato i frutti sperati e, attraverso questo spazio, rimarco il coordinamento fra i vari Enti preposti ed evidenzio la perfetta organizzazione svolta in tempi immediati e la buona riuscita dell’attività di bonifica. Tutto è andato nel migliore dei modi». Insomma, è stata una bellissima esperienza e una soddisfazione dare supporto alla sicurezza dei bagnanti, frutto di sinergia tra gli Enti: «Ringrazio il Comandante di Fregata Michele Burlando, i luogotenenti Rosario Paesano e Sergio Giorgio – conclude Mortellaro – e l’encomiabile intervento del Nucleo S.D.A.I. di Taranto».

Foto-Fonte: https://www.giovinazzoviva.it/notizie/cessato-il-pericolo-alla-trincea-rimosso-l-ordigno-bellico/

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Autorità Portuali 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
64830426_681166932344382_582446974641373184_n