Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Carabinieri artificieri di Bolzano disinnescano vecchi esplosivi “da cava”a Curon Venosta

Categories: Bonifica perché

Trento

Bolzano

Ieri pomeriggio i militari del Nucleo Artificieri ed Antisabotaggio del Reparto Operativo di Bolzano sono stati chiamati a disinnescare alcuni esplosivi, probabilmente “residuati” di lavori di scavo, rinvenuti dai Carabinieri di Curon Venosta nei pressi di un deposito cantoniere sito in frazione Vallelunga di quel Comune. L’intervento si è reso necessario in quanto in tarda mattinata il personale di servizio strade della Provincia di Bolzano ha avvertito i Carabinieri di Curon Venosta di aver rinvenuto 2 scatole contenenti 148 detonatori per esplosivo, 30 metri di miccia a lenta combustione e 2,2 kg di gelatina dinamite, tutto in pessimo stato di conservazione. Il materiale è stato abbandonato a bordo di un sentiero, ed in modo da non causare pericolo per le incolumità delle persone, e probabilmente con lo scopo di farlo trovare per la sua rimozione e smaltimento.

Foto-Fonte: https://www.lavocedibolzano.it/carabinieri-artificieri-di-bolzano-disinnescano-vecchi-esplosivi-da-cavaa-curon-venosta/

Il Commento alla giustificazione finale della redazione

L’esplosivo non è trasportabile senza aver informato la Prefettura e le autorità di Pubblica Sicurezza neanche per gli addetti ai lavori (fochini, ditte, etc). Non è possibile abbandonare esplosivi in quanto non si possono detenere e trasportare a insaputa della Questura competente nel territorio. Abbandonare a bordo di un sentiero vuol dire mettere in pericolo chi frequenta la zona.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
residuati-in-sacchetto-25.01.2020