Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Cagliari, in azione i palombari della Marina: fondali bonificati dagli ordigni bellici

Categories: Bonifica perché

Marina Militare

OristanoSassariCarbonia-IglesiasOlbiaNuoroOgliastra

Cagliari

I palombari della Marina Militare in azione a Cagliari per bonificare i fondali marini dai residuati bellici della Seconda guerra mondiale. Si è conclusa in questi giorni l’esercitazione Eod Range, che ha visto protagonisti i militari del Comsubin, che per una decina di giorni hanno cercato, recuperato e poi fatto brillare gli ordigni, ripulendo anche le acque del capoluogo da oggetti “complessi”.  “L’attività – spiega una nota – è stata diretta dal Comandante del Gruppo Subacquei (GS) – Capitano di Fregata Giovanni Modugno ed ha interessato i palombari del Reparto Pronto Impiego del GOS, provenienti da (SDAI) La Spezia, e svolta in concorso con uomini e mezzi già presenti nel sedime di Cagliari appartenenti al Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi). “L’evento – continua la nota – si è svolto nella acque portuali di Cagliari (comprendenti il molo di Levante, il molo Ichnusa e il golfo degli Angeli), nel pieno rispetto delle norme di sicurezza a tutela dell’ambiente e della popolazione civile, con l’impiego di autorespiratori ad aria e a miscela oltre ad apparecchiature da lavoro subacqueo, sistemi di ricerca elettroacustici e sistemi per la bonifica di ordigni esplosivi improvvisati IED (Improvised Explosive Device)”. “Gli operatori subacquei – prosegue la Marina – hanno dunque continuato la bonifica di residuati bellici nel golfo di Cagliari: quest’ultima attività, in corso da circa due anni e avente come fine ultimo la messa in sicurezza e la successiva libera fruibilità della suddetta area marittima, è stata attivata su richiesta della Prefettura di Cagliari”. “Nelle operazioni effettuate sino ad oggi, si è constatato infatti la massiva presenza di residuati bellici disseminati sul fondale, in quanto la zona di interesse, nell’immediato dopoguerra, è stata caratterizzata dall’affondamento in mare di ordigni di varia tipologia al fine di smaltirne le eccessive quantità presenti nei magazzini limitrofi”. (Unioneonline/l.f.)

Foto-Fonte: https://www.unionesarda.it/news-sardegna/cagliari/cagliari-in-azione-i-palombari-della-marina-fondali-bonificati-dagli-ordigni-bellici-q5zra98j

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Autorità Portuali

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
image