Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Bomba da mortaio nel parco dei bambini

Categories: Bonifica perché

L’AquilaPescaraTeramo

ChietiOrtona 

di Alfredo Sitti

Un ordigno bellico è stato rinvenuto sul ciglio della strada comunale che costeggia il parco Ciavocco da un gruppo di ragazzini che si trovavano di passaggio non lontano dall’area verde nel pieno centro di Ortona. Paura ma soprattutto mistero per il reperto risalente alla Seconda guerra mondiale, una bomba da mortaio di provenienza Alleata. A destare perplessità è che questa è stata rinvenuta sulla superficie del terreno, dettaglio che lascerebbe pensare sia stata portata lì da qualcuno. Difficile immaginare, infatti, che nessuno finora si fosse reso conto della presenza dell’ordigno di una grandezza di circa 25 centimetri. Ecco che dunque è più di una semplice ipotesi il fatto che il ritrovamento sia avvenuto in un posto diverso da quello in cui la bomba è stata individuata, dove è plausibile sia stata condotta in un secondo momento con tutti i rischi del caso. A lanciare l’allarme per la presenza del residuato bellico sono stati gli History Hunters, il gruppo di ricerche storiche, esplorazioni, testimonianze e metaldetecting sul fronte della Linea Gustav. Uno dei membri è stato avvisato da un signore che sosteneva come la nipote avesse fotografato un oggetto simile ad un ordigno bellico. La sera stessa c’è stato un primissimo sopralluogo dal quale però non si è riusciti ad individuare il reperto. La ricerca degli History Hunters è ricominciata la mattina successiva e in poco tempo si è giunti al rinvenimento. A quel punto hanno accertato che si trattava di un ordigno inesploso risalente alla Seconda guerra mondiale. Come da prassi sono state allertate le autorità competenti: sono immediatamente intervenuti i carabinieri della Compagnia di Ortona, i quali hanno anche loro confermato quanto verificato dal gruppo di ricercatori. Nel frattempo sono sopraggiunti la Polizia Municipale, che ha presidiato l’area, e il Sindaco Leo Castiglione. La zona è stata opportunamente delimitata per garantire la massima sicurezza. Subito dopo è stata avviata la procedura che dovrà portare alla rimozione della bomba. Non c’è ancora una data ufficiale per le operazioni, pertanto al momento non si conosce il programma in maniera dettagliata. Non dovrebbero comunque esserci problemi per i cittadini residenti nel centro urbano di Ortona, in quanto l’attività sembrerebbe non rendere necessaria l’evacuazione della zona. Resta da capire, invece, se effettivamente l’ordigno sia stato lasciato lì dopo essere stato ritrovato altrove.

Foto-Fonte: https://www.ilcentro.it/chieti/bomba-da-mortaio-nel-parco-dei-bambini-1.2381819

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia.

Valle d’AostaPiemonteLiguriaLombardiaTrentino-Alto AdigeVeneto,

Friuli-Venezia GiuliaEmiliaRomagnaToscanaUmbriaMarcheLazioAbruzzoMolise

CampaniaPugliaBasilicataCalabriaSiciliaSardegna

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
01A-A-WEB