Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Bimba trova un proiettile di mortaio sull’argine del Santerno a Borgo Tossignano

Categories: Bonifica perché

Esercito Italiano

FerraraRiminiParmaModenaReggio EmiliaRavenna-CesenaForlìPiacenza

Bologna

Ieri pomeriggio una bambina ha ritrovato tra l’erba del lungofiume di Borgo Tossiagnano un grosso proiettile da mortaio. Un ordigno risalente alla Seconda Guerra Mondiale e di produzione Alleata, probabilmente inglese. Un ritrovamento sorprendente e preoccupante, per fortuna senza conseguenze per la piccola che si trovava sul Santerno in compagnia della famiglia. Subito avvertiti i Carabinieri che, una volta giunti sul posto, hanno provveduto a circoscrivere il perimetro della zona ritenuta pericolosa, anche per evitare che altri possano imbattersi accidentalmente nel proiettile. A sua volta i militari hanno subito allertato il Genio Ferrovieri di Castel Maggiore che nei prossimi giorni si recherà sull’argine per disinnescare e far brillare in tutta sicurezza l’ordigno. Come sottolineano i Carabinieri di Imola, ritrovamenti del genere non sono poi così inusuali, essendo il territorio posto proprio lungo la Linea gotica e quindi oggetto di bombardamenti durante il periodo bellico. Con tutta probabilità potrebbe essere finito sull’argine dopo una delle ultime piene del fiume Santerno causate dal maltempo. (d.b.)

Fonte: https://www.sabatosera.it/2019/06/03/bimba-trova-un-proiettile-di-mortaio-sullargine-del-santerno-a-borgo-tossignano/

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
ordigni