Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Ayush voleva giocare….

Categories: Bonifica perché,Editoriali,ultime

Due giovani sorelle Puja e Anju procedono per strada a Godda, tra loro, Ayush il fratellino di 5 anni. I tre vorrebbero raggiungere un centro “Anganwadi” situato in area periferica. Il termine Anganwadi è utilizzato per indicare un oratorio, un ricovero integrativo per bambini bisognosi. In pratica un sistema sanitario pubblico indiano nato nel 1975 per sostenere la lotta alla malnutrizione infantile e non solo. È lunedì mattina ora locale 7.30. Ayush, nota nel piccolo canale che affianca la strada una borsa abbandonata. Il piccolo in preda alla curiosità abbandona le mani delle sorelle e raggiunge nel fossato la borsa lasciata in quel posto chissà perché, chissà da chi. Le sorelle sgridano invano Ayush che non le ascolta, in quella sacca immagina di trovare dei giochi che non ha mai posseduto. Anju continua a rimproverarlo, Puja lo raggiunge nel canale, ma è troppo tardi, Ayush apre quel maledetto contenitore, che improvvisamente esplode. Fumo, fiamme, schegge di vetro, sassi, travolgono i corpi delle tre vittime. Ayush è dilaniato, Puja subisce ustioni su tutto il corpo, lesioni al viso, al tronco, alle braccia. Anju gravi ferite al viso, alle gambe. Le due sorelle subito soccorse vengono trasportate presso il Sadar Hospital in condizioni clinicamente critiche. I medici sperano di salvarle. Tuttavia il Primo Ministro Raghubar Das ha dichiarato che lo Stato federale di Jharkhand è pronto a risarcire la vita del piccolo Ayush con 100.000 rupees, vale a dire 1337.14 Euro e, 20.000 rupees, cioè 267.43 Euro, sia per  Puja, quanto per Anju. In totale, più o meno un quarto di fitto mensile per un appartamento a Mumbai.

Giovanni Lafirenze

Foto: corriereitaliano.com

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
article