Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Al via le celebrazioni della Terza Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo

Categories: Editoriali

Il 4 febbraio sono iniziate le celebrazioni per la 3ª Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo, che quest’anno si svolgeranno fino al 12 febbraio a Torino, presso l’Arsenale della Pace, sede del SERMIG. Le celebrazioni sono partite con la premiazione del concorso scolastico “Tante guerre, un’unica vittima: la popolazione civile”, organizzato dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. All’evento hanno partecipato la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, la Sindaca di Chiara Appendino, il Direttore dell’ufficio scolastico regionale del Ministero dell’Istruzione Fabrizio Manca e Paolo Sciascia, Dirigente della Direzione Generale per lo studente. Ad aprire i lavori è stata Rosanna Tavasso, Vice Presidente del SERMIG, che nel suo discorso ha ripercorso il sogno di pace che ha animato la fondazione del SERMIG. Successivamente ha preso la parola il Presidente Nazionale Avv. Giuseppe Castronovo, che si è rivolto ai giovani con queste parole: «Oggi ci troviamo in un posto meraviglioso: un luogo di guerra diventato luogo di pace. Questa giornata, però, deve essere solo un punto di partenza, in quanto mi auguro che diventi un incontro globale e non solo nazionale. Tale messaggio, che incarna i valori della pace, deve arrivare diretto ai ragazzi. Le giovani generazioni, infatti, devono apprendere l’abominio della guerra, che porta solo distruzione e morte. L’uomo deve risolvere i suoi problemi con l’incontro ed il dialogo, usando la forza della ragione; non la forza delle armi. La mia speranza è che Dio ci dia la pace, ma al contempo l’uomo – soprattutto le giovani generazioni – costudiscano questo dono così prezioso». E’ stata poi la volta della toccante la testimonianza di Nicolas Marzolino, giovane socio ANVCG rimasto vittima di un ordigno bellico inesploso nel 2013, che, ha incoraggiato i ragazzi a trovare nell’amore incondizionato per la vita la forza cercare sempre il dialogo e confronto: «La vita è importante, ma solo per viverla in pace c’è bisognodi trovare un equilibrio e un dialogo tra i popoli». ha preso successivamente la parola Chiara Appendino: «E’ oggettivamente terribile parlare di vittime. Se a queste iniziamo poi ad abbinare dei nomi e dei volti, possiamo capire meglio quanto questo sia abominevole. La guerra, quando è in atto, non fa differenze. Uomini, donne, anziani, bambini: davanti alle armi siamo tutti ugualmente impotenti. Mi rivolgo ai ragazzi: ognuno di noi, nel proprio ruolo, è responsabile di ciò che avviene. Da qui dobbiamo partire; tutti insieme». L’On.Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione, ha poi dichiarato: «Ci tenevo ad essere qui per celebrare questa giornata e la presenza di tanti ragazzi ci fa capire come, attraverso loro, possiamo portare avanti il ripudio alla guerra che è presente nella nostra Costituzione all’Articolo 11. Con l’istituzione da parte del parlamento di questa giornata, si vuole infatti rimarcare questa importanza. Oggi siamo qui perché non dobbiamo mai abbassare la guardia, perché la pace non è mai scontata». Dopo i saluti istituzionali, è arrivato il momento della premiazione per il concorso, i cui vincitori sono stati scelti da una commissione composta da Roberto Frisone, Francesca Ripert e Stefano Cavini per il Ministero dell’Istruzione e Antonio Bisegna (Consigliere Nazionale ANVCG), Rossana Mondoni (Consigliera Nazionale ANVCG), Giuseppe Guarino (Consigliere Nazionale ANVCG), Ezio Costanzo (Storico documentarista) ed Emanuele Cervetti (Autore video). Per quanto riguarda le scuole superiori, il primo posto nella sezione “Scrittura-racconto breve” è andato a Lucrezia Degli Esposti Pallotti della Scuola Niccolò Forteguerri di Pistoia, premiata dal Presidente Provinciale della Sezione Anvcg di Pistoia, Luigi Masi. Secondo posto per Benedetta Emiliana Maniglio del Convitto Nazionale Domenico Cirillo di Bari (premiata dal Presidente Castronovo) e terzo per Alessia Tonelli del Polo tecnico professionale 3 Fano di Fano (riconoscimento consegnato dal Direttore dell’ufficio scolastico regionale del Ministero dell’Istruzione, Fabrizio Manca). Chiara Rossi (della scuola Piero della Francesca di Arezzo) si è aggiudicata il primo posto nella categoria “Video” per le scuole superiori, premiata dal Presidente Provinciale della Sezione ANVCG di Arezzo, Franco Agnelli e da Paolo Sciascia e Fabrizio Manca. A seguire Matteo Spada e Vulpe Mihai della scuola Nervi Severini di Ravenna (premiati dal Presidente Provinciale della Sezione ANVCG di Ravenna, Mario Mateucci insieme a Paolo Sciascia) e la classe IV BAIM della scuola Amerigo Vespucci di Molfetta (riconoscimento consegnato dal referente del Dipartimento ordigni bellici inesplosi ANVCG, Giovanni Lafirenze insieme a Paolo Sciascia). Per quel che riguarda la parte di concorso dedicata alle scuole medie, il premio per la sezione “Scrittura-racconto breve” è andata a Dario Casula dell’IC Gorizia 1 di Gorizia (premiato dal Presidente Provinciale della Sezione ANVCG di Gorizia, Luciano Negri insieme alla Ministra Azzolina). Secondo posto per Gaia Callegher dell’IC Moratti di Fivizzano (premiata dal Consigliere Nazionale e Presidente Provinciale della sezione ANVCG di Roma, Antonio Bisegna insieme alla Ministra Azzolina) e terza posizione per Michelle Zagato dell’IC Gorizia 1 di Gorizia (riconoscimento consegnato dalla Consigliera Nazionale e Presidente Provinciale della Sezione ANVCG di Milano, Rossana Mondoni insieme alla Sindaca Appendino). La Consigliera Nazionale e Presidente Provinciale della Sezione ANVCG di Rimini, Marialuisa Cenci, insieme alla Ministra Azzolina e alla Sindaca Appendino, ha premiato la classe III F dell’IC Fermi di Rimini nella categoria “Video” dedicata alle scuole medie. Seconda classificata la classe III H dell’IC Tommasone-Alighieri di Lucera (premio consegnato dal Vice Presidente Nazionale Michele Corcio e dalla Ministra Azzolina), terzo posto per la classe III A dell’IC 3 di Forlì (riconoscimento consegnato dal Vice Presidente Provinciale della sezione Anvcg di Forlì, Gisberto Maltoni e dalla Ministra Azzolina). Come negli anni passati, poi, sono state riconosciute alcune menzioni speciali ai progetti fuori dal podio finale. Si tratta, per la sezione “Scrittura-racconto breve”, di quelli realizzati dalle Classi II e III C dell’IC Brienza di Sasso di Castalda e dalla classe V DS dell’Istituto Principe Umberto di Savoia di Catania. Per la sezione “Video”, riconoscimento speciale per Virginia Canducci, Igor Angelo Paone, Carlotta Rinaldi, Luca Vulpinari della scuola Serpieri di Rimini. Al termine della giornata è stata inaugurata la mostra “Essere, non essere. Vittime civili di guerre incivili”, a cura di Romina Guidelli e Daniele Arzenta, che raccoglie oltre 70 opere pittoriche realizzate da studenti di tutta Italia in occasione del concorso per le scuole dello scorso anno scolastico. La mostra sarà affiancata da “Torino e la guerra”, esposizione di immagini del sistema di difesa civile della città durante la Seconda Guerra mondiale, a cura delle architette Elena Imarisio, Letizia Sartoris e di Michele Sforza del Centro di documentazione del Comando Vigili del Fuoco di Torino, con l’esperienza della realtà virtuale dei bombardamenti del 1940 a cura dell’Associazione culturale Manitoba.

Foto-Fonte: http://www.anvcg.it/attualita/archivio/item/504-al-via-le-celebrazioni-della-terza-giornata-nazionale-delle-vittime-civili-delle-guerre-e-dei-conflitti-nel-mondo

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
IMG_20200204_110709