Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

News

Ognuno recita il proprio ruolo, immerso in quella divina sensazione di devozione allo scopo comune: la realizzazione di un'opera d'arte, che anche la bonifica bellica sa idealizzare.

Abbandonata una borsa con residuati bellici

Categories: Bonifica perché

BellunoPadovaTrevisoVeneziaVeronaRovigo

Vicenza-Isola Vicentina

Una borsa contenente diversi proiettili e due scatole dal contenuto misterioso. È quanto è stato ritrovato dai Carabinieri a Isola Vicentina, nella frazione di Ignago. Il sacchetto con i residuati bellici, attualmente di origine sconosciuta, è stato abbandonato da ignoti lungo il ciglio della strada. È stato un passante a lanciare l’allarme, dopo essersi avvicinato e aver notato il materiale incustodito. Si sono precipitati i Carabinieri della stazione di Malo. All’interno si trovavano diversi proiettili, probabilmente di fucile o pistola, nonché due scatole, il cui contenuto rimane però ignoto: troppo pericoloso procedere alla loro apertura. I militari hanno informato la prefettura: in queste ore è previsto l’arrivo degli artificieri per ulteriori ispezioni e analisi dei proiettili e delle scatole. Gli accertamenti saranno orientati anche a stabilire il grado di pericolosità del materiale rinvenuto, per poi stabilire le modalità di rimozione e trasporto in un sito sicuro. Al termine delle verifiche, i militari prenderanno in consegna i residuati bellici. Nel frattempo, l’area del ritrovamento è stata transennata e posta in sicurezza dai Carabinieri.

MA.CA.

Fonte: https://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/schio/isola-vicentina/abbandonata-una-borsa-con-residuati-bellici-1.7464347

È importante ricordare che, in casi analoghi, è fondamentale evitare di avvicinarsi a congegni esplosivi per la loro potenziale pericolosità e informare immediatamente le Forze di Polizia

Foto: Archivio

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
ordigni